Museomix 2017, un successo replicato

0

aCala il sipario sull’edizione 2017 di Museomix, ma rimane alta l’attenzione: per la maratona creativa è tempo di bilanci.

Domenica scorsa, nel pomeriggio, i tre musei italiani che hanno partecipato all’iniziativa – Museo civico di storia naturale a Ferrara, Museo della Ceramica a Montelupo Fiorentino e Museo archeologico del Caos a Terni − hanno aperto le porte a tutti i curiosi impazienti di testare i prototipi realizzati dalle squadre di museomixer.

Al Museo civico di storia naturale si sono date da fare tre squadre: Scheletri nell’armadio, Senza nome e Speak up. Grandi scienziati, percorsi sensoriali, attività per bambini e l’orso polare mascotte dell’istituto sono stati gli ingredienti principali del remixaggio.b

FiLupo, la app che esce dall’edificio e conduce alla scoperta dei luoghi della ceramica in città; MMAbot, il bot su Facebook Messenger che fa da guida all’interno del museo; C’eramix, l’opera che invita a “ricercare connessioni con le fonti”: queste le creazioni dei museomixer per il Museo della ceramica.

A trasformare la visita all’Archeologico del Caos, invece, sono stati un’esperienza di visita tattile, una app in grado di far compiere all’utente un viaggio nel tempo, un gioco per divertirsi con l’archeologia.

cVolete rivivere le principali fasi di progettazione, realizzazione e test dei prototipi nel corso delle tre giornate? Nessun problema! Date un’occhiata ai social di Museomix Italia: Facebook, Twitter, Instagram, Flikr e soprattutto YouTube.

Non c’è dubbio: la seconda edizione italiana di Museomix ha replicato il successo della precedente. Adesso non ci resta che aspettare con pazienza per scoprire quali sorprese ci attendono nel 2018. Arrivederci al prossimo anno!

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Annalisa Sichi

Classe 1986, pistoiese e aspirante giornalista. Laureata in Comunicazione strategica alla Cesare Alfieri di Firenze. Ho lavorato per un anno nell'ufficio stampa del Comune di Pistoia, dove mi sono occupata anche della gestione dei social networ

Leave A Reply


*