Le fake news e i danni dell’iperconnessione: il miglior antidoto è educare al tempo dei social

0

Nell’ultimo periodo, sulla scena pubblica si è dibattuto molto del fenomeno delle fake news e dei pericoli connessi all’utilizzo dei social network, completamente disintermediato e spesso messo in mano a persone che non hanno mai maneggiato strumenti di comunicazione così potenti senza averne consapevolezza.

Tante le proposte e le ipotesi messe in campo, dalla possibilità di fare leggi in materia a forme di controllo maggiore degli smartphone in possesso dei minorenni, tutte questioni senz’altro serie e meritevoli di approfondimento ma soltanto dopo che si capirà la necessità di promuovere anzitutto una seria educazione ai media e in particolare ai nuovi media, a partire dalle scuole e dal tessuto associativo delle nostre comunità fino a coinvolgere le aziende stesse del settore che molto possono dare in termini di conoscenze e gestione dei mezzi.

Educare al tempo dei social non è un passatempo o un divertimento, ma deve essere una priorità della società moderna: i pericoli legati alle fake news ma anche alle dipendenze di bambini e adolescenti per l’eccessivo utilizzo di smartphone e social network non saranno risolti con i divieti, ma con una sana e buona educazione all’utilizzo del mezzo sia dei figli che dei genitori.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

RICCARDO CLEMENTI

Giornalista, addetto stampa, scrittore, opera nel settore della comunicazione aziendale. Ha pubblicato opere di argomento sportivo come l’ebook 30. Sul campo, nella vita e il cartaceo Generazione Juventus. Storia di un gruppo di ragazzi innamorati della Vecchia Signora (Urbone Publishing) e due volumi sul tema della spiritualità nel mondo giovanile: Quando una pedalata ti cambia la vita. Due pontassievesi in sella verso Santiago (Comunità dei Figli di Dio) e Noi, pellegrini del nuovo millennio. Due pontassievesi in sella verso Colonia (Editrice Cattolica Sion). Nel 2013 ha narrato la vita di La Pira nel libro La forza della speranza. Giorgio La Pira, storia e immagini di una vita, il più ampio repertorio di immagini fotografiche sul “Sindaco Santo” (Polistampa). Nell’ottobre 2013 ha pubblicato per Mauro Pagliai il libro Dio è giovane! Settanta volte sette buoni motivi per crederci, un saggio che propone 70 riflessioni sul tema del Dio giovinezza dell’umanità. Nell’aprile 2015 ha fornito contenuti e informazioni per il libro Un viaggio in Toscana. La via della geotermia: dalla Val di Cecina all’Amiata (Effigi Editore). Nel luglio 2015 ha pubblicato con Mauro Pagliai il libro Il Contadino 2.0. Tutte le T della Toscana: dalla Terra alla Tavola passando per il Tablet che, partendo dalla storia di un giovane allevatore della Valdisieve, racconta come l’incontro tra antichi mestieri, innovazione tecnologica e nuovi mezzi di comunicazione possa tracciare la strada per uno sviluppo sostenibile e per una nuova ecologia umana. *** Tutti gli articoli indipendentemente dai giorni e dalle ore di pubblicazione, vengono composti nelle ore di ispirazione notturna o all'alba, fuori da ogni orario di lavoro e altri impegni, e costituiscono la personale opinione del sottoscritto.

Leave A Reply


*