Dalla Camera di commercio di Prato info e dati sulle imprese a conduzione femminile

0

La Camera di commercio di Prato rappresenta una realtà particolarmente attiva sui social media e le chat: attraverso la pagina Facebook, il profilo Twitter, il canale YouTube, il profilo Instagram, i canali Telegram e WeChat, l’ente fornisce ai cittadini informazioni su attività e iniziative, aggiornamenti, documenti, video, infografiche e molto altro. Con Telegram, in particolare, la Camera di commercio riesce a raggiungere gli utenti in tempo reale direttamente sul loro smartphone, tablet o pc mentre WeChat è lo strumento utilizzato per dialogare in lingua con la comunità cinese, tra i cui membri è particolarmente diffuso. Tanti profili social, quindi, per raggiungere pubblici diversi.

Tra le notizie più recenti diffuse dall’ente, un’interessante serie di dati relativi all’imprenditoria femminile: con un’impresa a conduzione femminile attiva ogni quattro, e nonostante la leggera diminuzione rispetto al 2016, infatti, Prato si conferma al 28° posto nella graduatoria delle province italiane elaborata in base alla quota di imprese femminili sul totale delle imprese attive. La città toscana vanta una presenza di imprese rosa pari al 25,1%, superiore non solo alla media regionale del 23,8% ma anche a quella nazionale del 22,6%.

I settori nei quali le donne sono più presenti sul territorio pratese sono le confezioni (+2,0% rispetto al 2016), il commercio all’ingrosso di articoli di abbigliamento e accessori (+4,7%) e alcuni tra i servizi orientati alla cura della persona (parrucchieri ed estetisti, +0,9%). Da anni, ormai, il contributo delle imprese a conduzione straniera risulta decisivo, in particolar modo in riferimento all’imprenditoria femminile: le imprese straniere condotte da donne rappresentano una quota pari al 43,6% (+1,6% rispetto al 2016). Un dato confermato anche dall’analisi dei settori dove le donne sono maggiormente presenti. Sono infatti 2634 le imprese femminili nel settore manifatturiero (32,2% a fronte di un dato medio nazionale pari a circa il 17%).

In generale l’imprenditoria femminile è anche giovane: sono, infatti, il 5,2% le imprenditrici sotto i 29 anni e il 46,5% quelle nella fascia di età compresa tra 30 e 49 anni.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Redazione

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*