Facilmente accessibile e al servizio dei cittadini: online il nuovo portale salutelazio.it

0

LAZIOcrea, società in-house che affianca la Regione Lazio nelle attività tecnico-amministrative offrendo servizi di gestione e organizzazione delle attività di interesse regionale, ha scelto Liferay, azienda leader nella produzione di software finalizzato alla creazione di esperienze digitali enterprise, per la ridisegnare il portale salutelazio.it, principale punto di accesso per i cittadini ai servizi sanitari offerti dalla Regione.

Adesso SaluteLazio è un sito web di nuova generazione, creato con l’obiettivo di rendere più semplice e immediata l’interazione tra cittadino e Regione. Segue le linee guida definite dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) in tema di modelli di accesso unico ai portali e di coerenza nell’organizzazione e presentazione dei contenuti.

L’obiettivo di LAZIOcrea era quello di razionalizzare i processi e di conseguenza le modalità di accesso ai servizi sanitari erogati dalla Regione, in un’ottica sempre più assistito-centrica − spiega Maurizio Stumbo, Cio di LAZIOcrea −. Abbiamo tenuto conto delle linee guida nazionali, identificando un modello unico di presentazione dei servizi che fosse dinamico e al tempo stesso indipendente dallo strumento utilizzato per accedere”.

LAZIOcrea ha deciso di puntare su una piattaforma open source e ha scelto Liferay come piattaforma di riferimento su cui sviluppare il portale. L’implementazione del progetto è stata seguita da Smc, azienda selezionata tramite gara pubblica per la realizzazione del sito.

La piattaforma Liferay ha consentito di omogeneizzare la presentazione e unificare l’accesso ai servizi sanitari offerti dalla Regione, con una serie di vantaggi che vanno dalle prestazioni complessive del sistema alla sua affidabilità generale. Il vantaggio più significativo, però, è per il cittadino. “Oggi gli utenti hanno a disposizione un portale unico a cui fare riferimento per i loro servizi, con informazioni coerenti e sempre aggiornate, indipendentemente dalla loro modalità di accesso − prosegue Maurizio Stumbo −. Poter effettuare una serie di operazioni online anziché presentandosi fisicamente allo sportello semplifica decisamente la loro vita, nell’ottica di una relazione sempre più trasparente tra cittadino e istituzione”.

Il portale salutelazio.it è stato costruito tenendo nella massima considerazione la sicurezza dei dati dell’utente, seguendo le direttive del Sistema pubblico di identità digitale (Spid). Attualmente il sito consente di accedere a una serie di servizi come la scelta e la revoca del medico di base e del pediatra, il download dei referti di laboratorio, la prenotazione e il pagamento delle prestazioni sanitarie effettuate tramite il Cup e l’accesso al Fascicolo sanitario elettronico. Ulteriori servizi verranno aggiunti prossimamente. Allo stesso portale possono accedere anche i medici di base per consultare i fascicoli dei loro assistiti.

Il progetto salutelazio.it rappresenta per Liferay uno dei più significativi realizzati in Italia − commenta Andrea Diazzi, business development manager dell’azienda −. Per le sue dimensioni, innanzitutto, visto il numero medio di utenti che il portale serve regolarmente. Ma anche perché il mondo della sanità è fortemente interessato da evoluzioni significative in tema di gestione e presentazione di servizi che rivestono una grande importanza per gli utenti. E poter dimostrare sul campo di essere una piattaforma performante e affidabile nella comunicazione verso il cittadino è per Liferay un elemento di profonda soddisfazione”.

Abbiamo progettato il portale in un’ottica mobile first − sottolinea Gianluigi Pizzuti, account manager di Smc − perché crediamo che oggi la trasformazione digitale, oltre che dal monitor di casa, passi attraverso qualcosa che portiamo sempre con noi, in qualsiasi momento ed in qualsiasi luogo”.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Redazione

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*