I medici internisti italiani hanno fame di digitale

0

Il 76% dei medici internisti italiani consulta referti e immagini in formato digitale, il 47% gestisce le informazioni degli assistiti su data base, il 52% comunica con i pazienti anche grazie a Whatsapp. Sono alcuni dati emersi dalla ricerca “L’innovazione digitale per i medici di medicina interna”, condotta dall’Osservatorio innovazione digitale in sanità della School of Management del Politecnico di Milano.

Lo studio ha elaborato le risposte di un campione di 229 medici di medicina interna rappresentativo della situazione nazionale in termini di area geografica, fascia di età e tipologia delle strutture di appartenenza.

Dallo studio viene fuori che tanti medici che non utilizzano ancora strumenti digitali sono comunque interessati a mettere da parte l’analogico. Ma barriere di tipo economico, pochi investimenti, e la scarsa conoscenza di questi applicativi lo impediscono. Il 73% vede nell’insufficienza di fondi il limite maggiore all’uso di applicazioni, seguono con il 47% la limitata conoscenza delle loro potenzialità e con il 43% la scarsa cultura digitale.

Fra i medici è diffusa la consapevolezza dell’importanza delle competenze digitali nella loro professione: il 53% le considera infatti importanti in funzione delle esigenze professionali, il 41% rilevanti al pari delle altre competenze, mentre il 2% pensa che vengano prima altre priorità.

Tutti d’accordo sulla necessità di investire di più nella formazione digitale: il 32% individua nel ciclo di studi pre-universitario il periodo migliore per farlo, il 17% ritiene che l’università sia il luogo giusto per apprendere competenze, il 10% preferisce imparare sul campo e il 37% è orientato verso la formazione continua.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Michele Ciervo

Comunicatore pubblico, nato nel 1967, ho due figlie adolescenti, sono di origini sannite ma romano a tutti gli effetti. Quando non ho impegni lavorativi e familiari metto ai piedi le mie scarpe da running e corro nei parchi o sulle strade della mia città: provo così a liberarmi da tutti i pensieri negativi, cerco soluzioni e preparo anche qualche maratona.

Leave A Reply


*