Rondine cittadella della pace prende il volo sui social e sogna il Nobel

0

“So che a Rondine sta crescendo una nuova generazione, anzi un nuovo genere di leader del mondo, leader che abbiano il coraggio del dialogo, che sappiano cercare, scavare per capire le ragioni dei conflitti. Oggi il mondo ha grande bisogno di questo coraggio e per questo ho avuto l’idea di candidare Rondine al Nobel per la Pace 2015 e sono molto felice di dirvi che la candidatura é stata accettata”. Così la Vicepresidente della Camera, Marina Sereni in occasione del Rapporto Annuo 2014 dell’associazione che si è tenuto il 9 luglio scorso alla Camera del Deputati, ha annunciato la candidatura di Rondine Cittadella della Pace all’ambito riconoscimento. Un annuncio che ha trovato il caloroso plauso di centinaia e centinaia di persone e ha scaturito una vera ondata di entusiasmo tra amici e sostenitori di Rondine anche sui social, dove la candidatura viene rilanciata e promossa ogni giorno con entusiasmo attraverso l’hashtag  #Rondinenobel “Io ci ho sempre creduto” sia sulla pagina Facebook che sfiora i 10.000 like che tramite l’account Twitter. Tantissime persone provenienti da ogni parte del mondo con la loro storia, le loro tradizioni, figlie di culture completamente diverse, si fanno fotografare per diffondere il messaggio comune di Pace in rete e per dare a questa candidatura una connotazione di partecipazione ed entusiasmo virale, incoraggiando allo stesso tempo a compilare Il Form di sottoscrizione sul sito rondinenobel.org.

L’associazione Rondine ha sede in Italia, in un borgo medievale in Toscana a pochi chilometri da Arezzo. Qui sorge lo studentato internazionale dove, ogni giorno, giovani provenienti da paesi in conflitto e di culture diverse imparano a convivere con il proprio nemico. I giovani studenti di Rondine il cui anno scolastico è stato quest’anno inaugurato da un padrino d’eccezione, Alex Zanardi, arrivano in Italia dopo un accurato percorso di selezione nei loro paesi (Balcani, Europa Orientale e Caucaso del Nord, Caucaso del Sud, Medio Oriente, Africa Sub-Sahariana, Stati Uniti), basato su criteri accademici e psico-attitudinali per seguire corsi di laurea e post laurea nelle università italiane. Al termine del programma gli studenti ritornano nei loro paesi con una formazione d’eccellenza e una nuova consapevolezza per lavorare al dialogo, alla riconciliazione e favorire il cambiamento.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

SILVIA DEL RICCIO

Cavrigliese, o meglio Valdarnese, Classe 1983, Specializzata in Comunicazione Strategica alla Cesare Alfieri di Firenze. Giornalista pubblicista ha collaborato con testate locali del Valdarno Aretino e Fiorentino e con l’emittente televisiva Valdarno Channel. Dal 2007 lavora in pubblica amministrazione ricoprendo vari ruoli. Fermamente convinta da tempo che la comunicazione al cittadino arrivi forte e chiara sia attraverso metodi tradizionali sia attraverso i Social Network perché le istituzioni e la politica, grazie a questi, non sono mai state così vicine.

Leave A Reply


*