Smart cities: Reggio Emilia finalista agli European broadband awards 2017 con il progetto Coviolo wireless

0

Grazie al progetto Coviolo Wireless, Reggio Emilia è uno dei tre finalisti nella categoria Socio-economic impact and affordability del premio European Broadband Awards 2017, organizzato dalla Commissione europea attraverso la direzione generale Connect, responsabile delle politiche dell’Ue in materia di mercato unico digitale, sicurezza di Internet e scienza, innovazione digitale.

Il premio ha raccolto candidature da tutta Europa: tra i 49 progetti pervenuti, sono 15 quelli selezionati, tre per ogni sezione. I cinque vincitori, uno per ciascuna categoria, verranno annunciati e premiati il 20 novembre a Bruxelles. Alla cerimonia sarà presente anche Mariya Gabriel, la commissaria europea per l’economia e la società digitali.

European Broadband Awards è una competizione annuale che premia le buone pratiche nella pianificazione, gestione e realizzazione di reti a banda larga e lo scambio di conoscenze tra i proponenti, che possono essere organizzazioni sia pubbliche che private.

Il Comune di Reggio Emilia ha candidato il progetto Coviolo Wireless nella categoria 4 del concorso, che premia le esperienze capaci di generare impatti diretti e indiretti di carattere socio-economico nei territori, garantendo anche un servizio di qualità economicamente accessibile a tutti i cittadini.

Coviolo Wireless nasce nel 2015, su proposta del centro sociale Coviolo in festa, dal Laboratorio di cittadinanza di Rivalta, Coviolo e San Rigo ed è stato sviluppato con il supporto di Lepida spa e Comune di Reggio Emilia.

Il centro sociale Coviolo in festa – ha detto l’assessore ad Agenda digitale, partecipazione e cura dei quartieri Valeria Montanari − ha saputo costruire le condizioni per condividere un risultato con la comunità, conferendo all’internet quel ruolo di bene comune che deve giustamente rivestire. Credo che la commissione che ha valutato il progetto abbia apprezzato soprattutto questo aspetto: attraverso il digitale, alcuni cittadini, grazie anche al Comune, hanno migliorato un servizio per l’intera comunità. Sarebbe davvero bello che questo processo virtuoso diventasse consuetudine nel nostro futuro”.

Coviolo Wireless consiste principalmente nel superamento del digital divide su scala di quartiere − Coviolo, infatti, non era coperta dalla rete internet a banda larga − permettendo l’accesso ai cittadini aderenti con costi contenuti. Il centro sociale di Coviolo si è costituito provider di comunità, modalità permessa dalla legge, in modo da condividere risorse e costi, con un miglioramento dell’efficienza di connessione della zona, un abbattimento notevole dei costi di ogni singola utenza a fronte di un livello di navigazione di qualità, garantita dalla banda larga pubblica.

Il progetto Coviolo Wireless, oltre a permettere a tutti i cittadini del quartiere di usufruire in modo facile e veloce della banda larga, ha la capacità di generare un impatto positivo per le imprese e le attività economiche.  Una soluzione di comunità da diffondere non solo a scala cittadina, ma ‘esportabile’ anche in altri contesti europei.

Gli European broadband awards prevedono, per l’edizione 2017, cinque vincitori per altrettante categorie, in cui era possibile candidare i progetti:

  1. Modelli innovativi di finanziamento, business e investimento;
  2. Riduzione dei costi e co-investimenti nelle future infrastrutture;
  3. Coesione territoriale in aree periferiche e rurali;
  4. Impatto socio-economico e accessibilità economica;
  5. Apertura e competitività.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Redazione

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*