Social bus, il trasporto pubblico guarda al futuro e punta sulla nuova comunicazione

2

Crescono e funzionano le esperienze delle aziende di trasporto pubblico sui social network. Un rapporto recente ma in costante crescita come numero di account e soprattutto come servizi che vengono sviluppati attraverso le nuove piattaforme di informazione. Per fare il punto e guardare al futuro l’appuntamento è venerdì 7 novembre, dalle 9.30 alle 13.30, presso la sala conferenze del Museo Santa Giulia a Brescia, per “#Social bus : Come cambia il trasporto pubblico locale con i social media e la nuova comunicazione”, il primo seminario in Italia sul tema del trasporto pubblico e la nuova comunicazione.

L’evento, organizzato da Comune di Brescia, Brescia Mobilità e www.cittadiniditwitter.it, approfondirà le tematiche della comunicazione 2.0 rispetto alle specifiche esigenze di servizio di quanti operano nella mobilità pubblica, analizzando come la trasformazione dei sistemi di comunicazione abbia un impatto sulla percezione del servizio da parte del pubblico e sul servizio stesso.

La conferenza stampa di presentazione di Social Bus

La conferenza stampa di presentazione di Social Bus

Nel corso degli ultimi anni le aziende si sono gradualmente avvicinate al mondo dei social network, ricavando vantaggi soprattutto nel rapporto, più vicino, diretto e trasparente, con la cittadinanza. Per le aziende di servizio, come sono quelle tpl,  essere in contatto diretto con i propri clienti, poter interagire in tempo reale in modo trasparente e bidirezionale, è un fattore strategico. Ciò nonostante, in Italia, le aziende di mobilità hanno recepito in modo blando e talora con diffidenza l’avvento dei social network: la possibilità di uno spazio di dialogo totalmente aperto espone infatti al rischio di lamentele, critiche, polemiche, molto più aspre di quelle filtrate dai canali di call center tradizionali: sui social ogni messaggio è potenzialmente pubblico e se il commento positivo può essere amplificato e diventare uno spot pubblicitario virale, il commento negativo può a sua volta minacciare pesantemente la struttura delle aziende.

Nell’uso dei social network il gruppo Brescia Mobilità è stato pioniere, con la creazione nell’ottobre 2013 di un’area Customer Care, totalmente social oriented, con un servizio all’utenza attivo 7 giorni su 7, tutti i giorni dell’anno, dalle 7.30 alle 20.30. Con questo progetto si è voluto mettere al centro delle strategie aziendali il cliente: ascoltare il cliente e interagire con lui attraverso facebook e twitter signfica pensare l’intero servizio a misura di cliente. Il progetto di Brescia si è poi allargato con l’introduzione di Whatsapp, fino ad ora non utilizzato da alcuna azienda di tpl italiana, eppure già guardato con interesse da molti: una tecnologia semplicissima, che rende ancora più forte il concetto di customer care, consentendo al cliente un’interazione one-to-one immediata, e dunque la risoluzione immediata delle eventuali difficoltà che si interpongono tra utente e servizio. Introdotto nel customer care di Brescia Mobilità da alcuni mesi, è stato da subito apprezzatissimo dall’utenza: oggi vengono trattati mediamente 30 messaggi al giorno via whatsapp, con un totale contatti prossimo ai 1.000 utenti diversi dall’avvio.

Pertanto Brescia Mobilità, insieme con il Comune di Brescia, che da subito ha sostenuto e promosso questa “rivoluzione 2.0”, è particolarmente orgogliosa di accogliere nella propria città il primo seminario sul tema dell’uso dei social network al servizio del trasporto pubblico locale.

“Social Bus. Come cambia il trasporto pubblico locale con i social media e la nuova comunicazione” vedrà lapartecipazione delle maggiori aziende italiane del trasporto pubblico, oltre a comunicatori, giornalisti, università e ospiti internazionali e servirà a fare il punto sull’uso dei social media da parte delle aziende di trasporto pubblico attraverso il racconto diretto di alcune delle best practices a livello italiano e internazionale e la presentazione di una ricerca inedita.

A introdurre i lavori sarà Francesco Di Costanzo, direttore di www.cittadiniditwitter.it. Seguiranno i saluti istituzionali di Comune di Brescia, Regione Lombardia, Brescia Mobilità e Brescia Trasporti.

La prima sessione di studio sarà dedicata a “Tpl on social network: la cartina italiana del nuovo trasporto 2.0” con gli interventi di Annalisa Galardi, docente all’Università Cattolica di Milano, su “Conversare, oltre i confini organizzativi. La comunicazione organizzativa e la social collaboration” e di Antonello Romano, ricercatore del Laboratorio Ladest dell’Università di Siena che presenterà ricerca e dati sul panorama della diffusione di twitter nelle aziende di tpl.

Il programma prevede poi le buone pratiche italiane con la presenza di Gruppo Brescia Mobilità, GTT Torino, ATAC Roma e ANM Napoli.

La parola passerà dunque agli ospiti internazionali, che racconteranno l’uso dei social nelle aziende di trasporto pubblico di Parigi e Londra.

A chiudere il seminario sarà la tavola rotonda moderata dal Prof. Giulio Maternini dell’Università di Brescia, dal titolo “I social migliorano il servizio di trasporto pubblico in città: quali scenari?” con la partecipazione di Brescia Trasporti, Apam Mantova, ATB Bergamo, CTT Nord, Start Spa Ascoli Piceno.

Per partecipare al seminario ed ottenere i crediti formativi è obbligatorio effettuare l’iscrizione attraverso il portale dell’Ordine degli ingegneri, al sito internet http://www.ordineingegneri.bs.it/index.aspx , nella sezioneformazione.

Il seminario Social Bus potrà essere seguito anche in diretta streaming e su Twitter #socialbus .

Per qualsiasi  informazione aggiuntiva  e’ possibile contattare il Customer Care di Brescia Mobilità al numero 800 013 812,  attivo 7 giorni su 7 dalle 7.30 alle 20.30, oppure scrivere all’indirizzo customercare@bresciamobilita.it.

Copia di Convegno social progrLOW mod2810

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Redazione

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

2 commenti

  1. Pingback: Quando passa l’autobus? Aspetta: controllo su WhatsApp | muovity – car pooling Palermo

  2. Pingback: Nuovo anno, nuovi obiettivi, stesse convinzioni - cittadini di twitter

Leave A Reply


*