Solidali e trasparenti: su Open Cooperazione i dati 2015 sulle ong italiane

0

Open Cooperazione ha pubblicato on line in questi giorni gli open data 2015 relativi alle organizzazioni italiane impegnate nella cooperazione allo sviluppo.

Ne è venuta fuori una “top ten” della cooperazione, una specie di contest virtuoso basato sui dati aperti pubblicati da 93 associazioni che hanno aderito al progetto della piattaforma: favorire la trasparenza di un settore importante quanto esposto sul fronte dell’accountability facendo leva sulla partecipazione.

Inserimento e condivisione dei dati, e la fotografia delle associazioni è servita: una mappatura sempre aggiornata di attività e risorse, perché quelle non ancora censite o parzialmente censite possono registrarsi e integrare i dati.

Disponibili anche in forma aggregata in grafici e infografiche, riguardano il bilancio delle entrate, il numero di dipendenti o collaboratori, il numero di volontari o attivisti mobilitati, il numero di progetti implementati o sostenuti, i donatori, i Paesi in cui lavorano le organizzazioni.

Le più trasparenti “vincono” il ranking della trasparenza, aggiornato mensilmente, che completa il quadro.

I dati aggregati 2015

Parlando dei Paesi d’intervento, il lavoro all’estero nel 2015 si è concentrato come singolo Paese in Brasile, Congo, India, con 35, 26 e 23 organizzazioni rispettivamente attive, mentre il continente dove sono più presenti è l’Africa. In Europa, il Paese dove sono più attive è l’Italia, con 58 presenze. I progetti sono stati realizzati nell’89% dei casi direttamente, il resto attraverso partner. Il settore principale di intervento è quello della Educazione/Istruzione, subito dopo viene quello della Capaciyi building e della formazione, seguito a ruota da Salute e sanità.

Sul fronte dei finanziamenti, le entrate 2015 ammontano complessivamente a 561.996.364,42 euro. I fondi provengono quasi fifty-fifty da istituzioni (53%) e privati (47%). La fetta più importante dei fondi pubblici viene dalla cooperazione decentrata (autonomie locali), con il 28%, seguita dalla Ue con il 26%. I donatori privati, intesi come individui, invece, nel 2015 sono stati 427.596.

Le 93 associazioni analizzate sono per lo più “accountable” anche per quanto riguarda le certificazioni: il 67% ha il bilancio certificato, il 65% si è dotata di un servizio di controllo interno.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

MARIA GRAZIA LORETO

Punto ad essere una persona consapevole e partecipe, vivere e contribuire in una comunità che si evolve, e credo che l'informazione sia una leva essenziale di questo sviluppo. In quest'ottica mi sono avvicinata alla comunicazione pubblica, di cui mi occupo come redattrice web. Sono nata e vivo a Roma, cerco di lavorare “al servizio del servizio pubblico”, senza perdere di vista quello che succede intorno.

Leave A Reply


*