Domani appuntamento con PA Social a Torino per il Festival del giornalismo alimentare

0

Da oggi fino al 24 febbraio a Torino torna il Festival internazionale del giornalismo alimentare, tre giornate dedicate alla comunicazione legata al cibo. In programma incontri, workshop, degustazioni guidate e showcooking pensati per gli addetti ai lavori e aperti al grande pubblico. Parteciperanno esperti nazionali e internazionali, aziende, istituzioni, blogger e giornalisti di settore.

Il Festival non ha un unico tema. Ogni anno vengono trattati problemi di informazione e comunicazione legati alla sicurezza e all’educazione alimentare, alla deontologia, al giornalismo finanziario, di inchiesta, di cronaca e di giudiziaria, alla comunicazione sociale e social, alla pubblicità, alle politiche del cibo e alla critica enogastronomica, alle condizioni contrattuali e di lavoro dei giornalisti, al dialogo tra le diverse professioni dell’informazione e della comunicazione e tra le professioni scientifiche e dell’informazione.

A questa terza edizione dell’iniziativa parteciperà anche l’associazione per la nuova comunicazione pubblica PA Social, che sarà protagonista dell’incontro in programma venerdì 23 febbraio dalle 16.10 alle 17 sul tema La Pubblica amministrazione sui social per comunicare l’educazione e le politiche alimentari. Per approfondire il modo in cui il sistema pubblico interagisce con i cittadini su un tema così virale interverranno Alessandra Migliozzi, capo ufficio stampa del Miur, Caterina Perniconi, capo ufficio stampa del Mipaaf, Riccardo Porcu, direttore della comunicazione istituzionale della Regione Sardegna, e Francesco Di Costanzo, direttore di cittadiniditwitter.it e presidente di PA Social. Nel ruolo di moderatore Loris Gay, vicecaporedattore del Tg1 Economia.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Redazione

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*