Quanto è social l’Università di Sassari?

0

di Paola Diana (@PaolaD79)

In un mondo dove i social media son diventati parte integrante della vita della maggior parte degli individui, credo sia necessario riflettere come le istituzioni pubbliche cerchino di rimanere al passo con le esigenze dei cittadini e quali strumenti mettano in campo per comunicare con essi. Sono tempi in cui il cittadino vuole essere parte attiva delle decisioni che influiscono sulla vita di tutti, vuol poter dire la sua in merito a ciò che lo riguarda. Da studentessa dell’Università degli studi di Sassari, ho voluto vedere più da vicino come l’università si rapporta col mondo social e con la realtà del web 2.0. Come l’Università vuole “esserci”.

Per poter trovare le pagine ufficiali ed essere sicuri che siano realmente quelle ufficiali, primo passo è quello di andare sul sito istituzionale dell’Università di Sassari. Nella home page, in alto, son ben visibili i simboli di Facebook, Twitter e Youtube attraverso i quali è possibile raggiungere i diversi social, dove l’università è presente con un proprio profilo ufficiale: Facebook, Twitter,  Youtube. Scorrendo la home page, a fine pagina (footer), troviamo tutte le sezioni tematiche del sito tra cui una dedicata proprio ai social: “Media & Social”. Entrando in quest’area si possono osservare le attività a cui si dedica l’ufficio stampa, cioè tutta la comunicazione e l’informazione attraverso i canali dei media tradizionali e quelli di nuova generazione come i social media. Sulla destra della pagina è possibile raggiungere i diversi profili sulle diverse piattaforme attraverso i link.

Il primo ad essere stato scelto dall’università per entrare in questo mondo è stato Youtube, il 31 agosto 2009, a seguire il profilo Twitter nel 2010 e come ultimo ma assai frequentato, Facebook nel febbraio 2012. Sono tre tipi di social utilizzati tantissimo da utenti di diverse fasce d’età e soprattutto da utenti facenti parte del target di studenti, bersaglio che l’università deve centrare.

Il nome del canale Youtube dell’Università di Sassari è “unisstube”. I video presenti sono 102 gli iscritti al canale non sono tantissimi, 177 ma le visualizzazioni sono numerose, nel complesso i video del canale hanno accumulato più di 60.000 visualizzazioni. Raccoglie video di eventi inerenti alle attività tenute da studenti e docenti, interviste ad ospiti intervenuti a convegni o seminari.

I video con più visualizzazioni sono quelli dedicati ai tutorial delle diverse procedure on line relativi alla carriera dello studente, come ad esempio la registrazioni alle piattaforme dei servizi o a concorsi interni.

Nel 2010 l’Università di Sassari entra a far parte di Twitter. La denominazione di questo profilo è “Uniss” e la sua mention @unissTwit. È un profilo con tanti follower, ora sono circa 3.400. Scorrendo la bacheca si può apprezzare come sia aggiornato molto frequentemente con notizie ed eventi in città ed in particolare quelli che coinvolgono l’università. Non c’è tanta interazione da parte degli utenti che seguono questo profilo, utilizzato più che altro come fonte di informazione.

Ultimo ma forse quello con più bacino di utenza è quello di più recente apertura dei tre, febbraio 2012, il profilo ufficiale su Facebook. È una like page, dove è possibile con click sul “Mi piace” diventare fan della pagina. I fan sono circa 5900, un po’ di più rispetto al profilo Twitter. Nella pagina è possibile per l’utente scrivere e pubblicare, commentare i post e condividerli.

Nella sezione “informazioni” troviamo tutti i contatti per scrivere direttamente ai gestori della pagina: recapito telefonico, l’indirizzo email comunicazione@uniss.it e l’indirizzo del sito ufficiale dell’università. Inoltre è sempre possibile, attraverso il pulsante “Invia messaggio”, sempre presente nell’area della copertina, scrivere un messaggio privato attraverso Facebook.

La pagina è costantemente aggiornata su eventi riguardanti l’università e la città. Negli ultimi giorni, particolare copertura è stata data al Giro d’Italia di ciclismo numero 100, dai diversi eventi realizzati all’interno dei vari dipartimenti al countdown dal giorno “- 4” partito il primo di maggio, fino ad arrivare alla partenza del 5 maggio da Alghero. Successivamente sono stati pubblicati post riguardanti le tre tappe seguite dagli studenti con foto e video e tutto ciò che ha circondato il grande evento. Qui i mi piace e i commenti si son fatti più frequenti, gli utenti hanno interagito di più e con più entusiasmo.

Infatti pur essendo possibile per gli utenti commentare e interagire con l’università, pochi sono gli interventi riscontrati. Questo rende la bacheca una fonte di informazioni per chi la segue ma rientra poco nelle dinamiche che caratterizzano i social, della bidirezionalità. Nonostante questa non frequentissima comunicazione, gli utenti spesso gradiscono i contenuti, come si può evincere dai diversi like e reazioni ad alcuni post.

Le notizie riportate sui Twitter e su Facebook sono in sostanza le stesse. Questa strategia permette di raggiungere target diversi, chi utilizza uno o l’altro social verrà raggiunto comunque da quelle notizie.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Redazione

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*