Roberto Alborghetti, scrittura e social affinché nessuno resti indietro

1

Roberto Alborghetti è un giornalista professionista conosciuto e stimato. Ha lavorato a “L’Eco di Bergamo”, da sempre appassionato di scuola e di giovani, da alcuni anni ha deciso di dedicarsi completamente alla scrittura e alle sue passioni di cui ha fatto un mestiere con un tocco di innovazione e originalità. È autore di una quarantina di volumi, tra saggi e biografie, tra cui “Nessuno è cretino”, l’ultima conversazione-intervista del grande pedagogista Aldo Agazzi, e tre volumi su Papa Francesco pubblicato con la casa editrice Velar: nel novembre 2013 la prima grande biografia illustrata su Bergoglio, poi nel 2014 il libro “Quando il giorno era una freccia” e adesso “Nessuno resti indietro”, appena uscito, che racconta Papa Francesco in uno dei suoi temi più sentiti, quello della dignità del lavoro e dell’inclusione sociale.

Libri, dunque. Strumenti classici di lettura e di comunicazione. Cartacei. Cosa c’entra tutto questo con la nuova comunicazione e con l’educazione al tempo dei social? C’entra, eccome. Perché se Roberto Alborghetti ha potuto realizzare questi progetti è grazie al coraggio con cui ha mollato un lavoro, che gli garantiva sicurezza e prestigio, e si è gettato nella sfida della nuova comunicazione: blogger convinto, è diventato esperto di web e di editoria educational, autore di documentari, creatore di eventi e innovativi progetti di comunicazione, Alborghetti – che su facebook ha anche un suo logo, ispirato alla sua ideazione LaceR/Actions, un innovativo progetto-ricerca basato sull’osservazione della realtà urbana percepita nei cromatismi dei “segni di  strada”, con mostre in Italia ed all’estero – ha esplorato nuovi modi di comunicare e di raggiungere le persone, ha percorso nuove vie di dialogo coinvolgendo aziende e comunità locali e facendo conoscere nel mondo spaccati di terre, di popoli, di culture e tradizioni locali (basti pensare all’Amiata che, con il Vino e l’Abito Vulcano, ha fatto rimbalzare in tutto il pianeta la magia e il mistero della montagna amiatina).

E ha colto la necessità di adottare nuovi linguaggi per dare messaggi di speranza. Affascinato e colpito dal messaggio di Papa Francesco, ha studiato per mesi la vita di quest’uomo “venuto dalla fine del mondo”, ne ha fatto la prima biografia da quando è diventato Papa e tuttora forse la più completa per testi e fotografie. E poi è entrato nel dettaglio dei “temi forti” del Pontefice, prima con il volume “Quando il giorno era una freccia” che racconta gli anni del mondo della scuola e la testimonianza educativa di Bergoglio e poi con “Nessuno resti indietro” che approfondisce il tema del lavoro, di un’economia a misura d’uomo, della giustizia sociale e della dignità umana.

Attivissimo sui social, da facebook a twitter fino al blog personale robertoalborghetti.wordpress.com, dove si trovano tutti i suoi progetti, fa correre sulle nuove strade dei social messaggi di speranza, riuscendo a mantenere l’equilibrio tra la profondità e la leggerezza, tra la sobrietà e l’innovazione. Un modo bello – e anche molto professionale – di educare al tempo dei social e di ricordare che nessuno deve restare indietro. E soprattutto di aprire nuove strade di comunicazione in un tempo di crisi, in cui molti si interrogano sui motivi e in pochi si sforzano per immaginare soluzioni.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

RICCARDO CLEMENTI

Giornalista, addetto stampa, scrittore, opera nel settore della comunicazione aziendale. Ha pubblicato opere di argomento sportivo come l’ebook 30. Sul campo, nella vita e il cartaceo Generazione Juventus. Storia di un gruppo di ragazzi innamorati della Vecchia Signora (Urbone Publishing) e due volumi sul tema della spiritualità nel mondo giovanile: Quando una pedalata ti cambia la vita. Due pontassievesi in sella verso Santiago (Comunità dei Figli di Dio) e Noi, pellegrini del nuovo millennio. Due pontassievesi in sella verso Colonia (Editrice Cattolica Sion). Nel 2013 ha narrato la vita di La Pira nel libro La forza della speranza. Giorgio La Pira, storia e immagini di una vita, il più ampio repertorio di immagini fotografiche sul “Sindaco Santo” (Polistampa). Nell’ottobre 2013 ha pubblicato per Mauro Pagliai il libro Dio è giovane! Settanta volte sette buoni motivi per crederci, un saggio che propone 70 riflessioni sul tema del Dio giovinezza dell’umanità. Nell’aprile 2015 ha fornito contenuti e informazioni per il libro Un viaggio in Toscana. La via della geotermia: dalla Val di Cecina all’Amiata (Effigi Editore). Nel luglio 2015 ha pubblicato con Mauro Pagliai il libro Il Contadino 2.0. Tutte le T della Toscana: dalla Terra alla Tavola passando per il Tablet che, partendo dalla storia di un giovane allevatore della Valdisieve, racconta come l’incontro tra antichi mestieri, innovazione tecnologica e nuovi mezzi di comunicazione possa tracciare la strada per uno sviluppo sostenibile e per una nuova ecologia umana. Nel febbraio 2018 ha pubblicato con Urbone Pubishing il libro Un Pirata in Cielo. 14 volte Pantani, dalle vette delle Alpi alle stelle del firmamento, che a 14 anni dalla morte di Marco Pantani ripercorre la vita del Pirata lungo le vie delle sue vittorie.

1 commento

  1. Pingback: “CITTADINI DI TWITTER” WEBSITE IS TALKING ABOUT MY NEW BOOK (AND ME). AN ARTICLE BY RICCARDO CLEMENTI | ROBERTO ALBORGHETTI

Leave A Reply


*