#socialProCiv: al via la rivoluzione comunicativa della protezione civile

1

Lunedì 8 giugno ha avuto inizio la rivoluzione comunicativa della protezione civile. Sono stati resi noti, infatti, i risultati di #socialProCiv il percorso di studio del Dipartimento della Protezione Civile sull’uso dei social network per la comunicazione in emergenza e del rischio.

Con questo percorso si vanno a superare alcuni grandi problemi dei social network: riconoscere una fonte ufficiale, distinguere le notizie certe da quelle non verificate, dare delle regole su come utilizzare questi strumenti, come aggiornali e quali responsabilità hanno le persone che gestiscono questi canali.

Il gruppo di lavoro che si è formato dopo alcuni incontri pubblici, ha prodotto tre documenti, che possono essere consultati online sul sito del Dipartimento:

  • il manifesto con i principi su cui si basa #socialProCiv,
  • le indicazioni per la redazione di policy interne ed esterne all’ente gestore degli account social
  • le linee guida per la gestione dei profili.

Fino all’8 luglio le istituzioni, gli enti, le organizzazioni di volontariato e i media operators che hanno esperienze nel campo della comunicazione di protezione civile, potranno dare il loro contributo alle policy e alle linee guida partecipando alla consultazione online.

Prima di collegarvi soffermatevi sui dieci punti del manifesto dove si evidenziano maggiormente le innovazioni del percorso partecipato di #socialProCiv e di questa rivoluzione culturale e comunicativa della protezione civile.

Il manifesto definisce #socialProCiv una community aperta che comunica in modo responsabile con un approccio comunicativo omogeneo e trasparente con regole puntuali redatte nelle policy di cui gli aderenti alla community, e quindi alla rete #socialProCiv, si dovranno dotare e rappresentando così un contratto etico con gli utenti.

Una comunicazione di protezione civile responsabile e consapevole, non solo per dare informazioni attendibili, ma per avvicinare e rendere partecipe il cittadino.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

CHIARA BIANCHINI

Blogger e social media manager. Laureata magistrale in scienze della comunicazione con un forte interesse per la comunicazione del rischio e dell’emergenza sui social media. Partecipante attiva a #SmemchatIT (venite a scoprire su Twitter di cosa si tratta!).

1 commento

  1. Pingback: La social media policy di Anpas, la prima di un’associazione di volontariato - cittadini di twitter

Leave A Reply


*