Un sito web per le allerte di Protezione civile per la Regione Emilia Romagna, attivo dal 2017

0

La Regione Emilia Romagna ha lanciato un nuovo sito web, che sarà operativo nei primi mesi del 2017, interamente dedicato alle allerte di Protezione civile, con l’obiettivo principale di rendere  più rapida e flessibile la diffusione delle informazioni in caso di emergenze e calamità naturali.

Il sito web è stato presentato a Piacenza in occasione del convegno “Sicuri allertati”, un appuntamento rivolto a sindaci, tecnici, volontari e a tutte le componenti del sistema delle province di Piacenza, Parma e Reggio Emilia.

Il portale per i primi mesi del 2017 seguirà una fase di sperimentazione e da marzo sarà poi disponibile per i cittadini 24 ore al giorno per 365 giorni all’anno. In questo spazio web saranno integrate le informazioni sul rischio e l’allertamento, come vero e unico luogo di aggregazione e condivisione delle comunicazioni di protezione civile realizzata dai diversi enti che operano nel sistema regionale di Protezione civile. Un canale sia di prevenzione sui comportamenti corretti, norme e piani di protezione civile, per migliorare la consapevolezza degli utenti, che per dare aggiornamenti in tempo reale su allerte, emergenze e criticità.

Il sito sarà completamente responsive e caratterizzato da una mappa regionale, completamente navigabile, che si colorerà in base al livello di allerta, così da essere subito di immediata comprensione per tutti.

Uno strumento solido e completo che andrà ad arricchire i già solidi strumenti di comunicazione della Regione Emilia-Romagna.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

CHIARA BIANCHINI

Blogger e social media manager. Laureata magistrale in scienze della comunicazione con un forte interesse per la comunicazione del rischio e dell’emergenza sui social media. Partecipante attiva a #SmemchatIT (venite a scoprire su Twitter di cosa si tratta!).

Leave A Reply


*