I social network di Enel, quando un tweet diventa identity

1

 

Twitter, Facebook, Instagram, e chi più ne ha più ne metta. Grazie ai social network, il mondo imprenditoriale ha potuto creare, con i propri clienti, un canale di comunicazione privilegiato, portando alla nascita, negli anni, di vere e proprie community di utenti. Da tempo, infatti, si assiste a uno sviluppo costante dei “profili aziendali” più diversi e disparati. Una crescita già consolidata all’estero, che in Italia fatica ad acquisire un proprio know-how e diventare modello.

Alcune realtà, però, sembrano aver compreso l’importanza di un uso corretto e sistematico dei social media, che lavorino in sinergia con i tradizionali canali di comunicazione.

È il caso di Enel, che può vantare una presenza radicata e istituzionalizzata sui social network, grazie a profili ufficiali che ogni giorno diffondo e condividono, news, contenuti, anteprime di eventi, materiali multimediali.

enel 1

Dalla produzione di notizie (Enelsharing) e diffusione (Facebook, Twitter, Google Plus), sino alla pubblicazione di contenuti multimediali (Flickr Instagram, Pinterest, Youtube) e comunicati stampa (Google Plus), Enel ha dimostrato di essere assolutamente uptodate rispetto alle opportunità di comunicazione che la rete offre.

Tra i primi ad usare l’hashtag nelle proprie campagne pubblicitarie, lo storytelling come forma di brand-entertainment, il live twitting e lo storify come forme di partecipazione on-air, Enel vanta una produzione giornaliera e costante di contenuti, che viaggiano in parallelo al monitoraggio della rete e alla promozione e rilancio sulla rete.

Ne è un esempio Enel Sharing, nato come ‘voce’ dell’azienda sui social media, che è diventato nel tempo un canale di comunicazione che integra al suo interno le funzioni di Corporate Blog a quelle di News Agency, fornendo una visione assolutamente globale sulle attività del Gruppo, grazie all’azione rapida e coordinata dei social network che ne rilanciano i contenuti.

 

Francesco Di Costanzo (@fdicos10)

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

FRANCESCO DI COSTANZO

Presidente PA Social - Associazione Nazionale per la nuova comunicazione. Fondatore e direttore di cittadiniditwitter.it. Esperto di comunicazione, social network e autore dei libri "PA Social. Viaggio nell'Italia della nuova comunicazione tra lavoro, servizi e innovazione" (2017. Franco Angeli Editore), “Cittadini di Twitter. La nuova comunicazione nei servizi pubblici locali” (2012, Indiscreto Stefano Olivari Editore), “Comune di Twitter” (Anci Toscana – Polistampa Editore, 2013) e “WhatsApp in città? La nuova frontiera della comunicazione pubblica” (Di Costanzo - Marrucci, 2015, Indiscreto Stefano Olivari Editore). Organizzatore di numerosi convegni, corsi, lezioni e presentazioni sulla nuova comunicazione via web e social network. Fondatore con numerose aziende di trasporto pubblico italiane del network #socialbus, prima rete europea per lo sviluppo della comunicazione social nel settore dei trasporti. Promotore di numerose iniziative e campagne, come #socialcity e #socialutility, per lo sviluppo e la promozione dell’utilizzo di web e social network per l’informazione pubblica e di servizio ai cittadini.

1 commento

  1. Avatar

    Diciamo che non tutti gli hashtag scelti hanno raggiunto lo scopo prefissato.
    Ricordo che con #guerrieri, i tweet non sono stati molto clementi, da arginare certe situazioni non sono semplici.

Leave A Reply


*