Gli Open Data per favorire l’impresa. Lecce premiata come città più smart del sud

1

Lecce Smart City raggiunge, in appena una settimana, due importanti traguardi nazionali: la scalata nella classifica di ICity Rate sulle Smart Cities italiane e il premio E-Gov 2015. Entrambi arrivano per l’ottimo lavoro svolto dal comune nel campo degli Open Data, grazie ai quali sono state create nuove opportunità per imprese e startup innovative.

Il primo traguardo in ordine temporale, è rappresentato dai dati di ICity Rate, indagine realizzata da Forum PA con la collaborazione di Openpolis, che ha analizzato 106 Comuni capoluogo sulla base di 150 indicatori, e che vede Lecce la realtà del Mezzogiorno con la performance migliore, trainata dall’aumento dei tassi di imprenditorialità, mobilità territoriale e alternativa e connessione fra imprese. Il secondo è il premio EGov, che da anni individua i migliori progetti di innovazione sviluppati dalle Pubbliche Amministrazioni, che è stato assegnato il 21 ottobre 2015, presso SMAU Milano, la più importante manifestazione in Italia sull’innovazione per imprese ed enti locali.

Oggetto dei due premi è il portale Open Data Lecce, nato nel febbraio 2014, per rendere accessibili alcuni dataset, oggi circa 130. Gli obiettivi di questo progetto sono migliorare ed aumentare la trasparenza, la partecipazione, l’efficienza e l’erogazione di servizi differenti e sempre più efficienti alla cittadinanza, nonché incentivare la creazione di nuove opportunità economiche nel campo dell’innovazione tecnologicagrazie all’utilizzo/riutilizzo dei dati e delle informazioni fornite. Proprio al fine di dare impulso alle imprese e startup innovative, sul portale open data del Comune di Lecce è stata creata è una sezione web permanente APP STONE LECCE (#APPSTONELECCE), pensata quale vetrina virtuale messa gratuitamente a disposizione dal Comune a tutti gli sviluppatori, luogo di promozione della fabbrica delle idee e officina creativa digitale che utilizza i dati pubblici. La crescita del processo Open Data è stata portato avanti grazie all’impegno e alla passione che il Team Open Data Operativo (TODO) del Comune di Lecce ha messo nel lavoro svolto. Il team è stato costituito quale struttura operativa a supporto dell’attuazione e dell’accrescimento del processo Open Data ed è composto dai referenti Open Data di ogni settore dell’Amministrazione Comunale che per competenze diverse interagiscono con i soggetti esterni, ovvero gli stakeholder attivamente coinvolti nell’attuazione del progetto.

Entusiasta l’assessore Alessandro Delli Noci: “La vittoria del premio E-Gov, nonché i dati ufficiali del rapporto “ICity Rate 2015″ che definiscono Lecce come la città più vivace e dinamica del Meridione, non possono che rendermi molto orgoglioso. Un ringraziamento sincero va a quanti hanno recepito il nostro input, hanno creduto nel progetto e hanno lavorato con e per i dati. Penso alle tante applicazioni nate, nell’ambito della promozione turistica o della valorizzazione artistica e culturale della città – quali ViviLecce, LecceMovida, Lecce Bed & Breakfast solo per citarne alcune – che sono la prova lampante dell’ottima sinergia che si è venuta a creare tra pubblico e privato, nonché delle straordinarie potenzialità di questa rete, che trasforma idee vincenti in progetti reali, che converte i sogni di pochi in servizi per tutti”.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Redazione

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

1 commento

  1. Pingback: Telegram e gli open data del comune di Lecce uniti per il servizio di alert - cittadini di twitter

Leave A Reply


*