A Torino la prima scuola di comunicazione per futuri pediatri

0

Apre a Torino, con il contributo della Fondazione CRT, la prima scuola di comunicazione per i futuri pediatri. Si tratta del progetto Pediatra 2020, un percorso formativo che la Scuola di specializzazione in pediatria dell’Università di Torino propone agli specializzandi in collaborazione con l’Istituto Change, a cui è affidato il coordinamento didattico del progetto, e con l’associazione Piccoli Passi, che sostiene le attività della Neonatologia universitaria e che si è fatta promotrice dell’iniziativa.

Il pediatra del nuovo millennio dovrà essere, negli obiettivi dei promotori del progetto, il personaggio centrale di una nuova cultura della salute e della cura. In questi primi 20 anni del duemila i cambiamenti sono stati veloci e profondi: sono cambiate le famiglie, la domanda di salute, le preferenze, le convinzioni, i valori dei genitori. L’accesso alle informazioni è diventato sempre più facile e più ampio. Questo richiede ai nuovi pediatri competenze approfondite nella comunicazione informativa, educativa, motivazionale con genitori, bambini e adolescenti, e competenze relazionali che permettano loro di affiancarli e di facilitare scelte responsabili nei percorsi di crescita e di cura.

Con questo obiettivo è stato progettato un percorso formativo triennale, che accompagnerà i futuri pediatri iscritti alla Scuola di specializzazione in pediatria di Torino dal terzo al quinto anno del loro percorso, con incontri mensili sui temi della comunicazione con i genitori e con i bambini, dell’educazione sanitaria, del  sostegno motivazionale, dell’affiancamento decisionale, dell’etica della cura.
Si tratta della prima esperienza di questa portata proposta da una Università italiana ai pediatri in formazione, e più in generale ai futuri medici e ai professionisti sanitari in formazione.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Redazione

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*