Acquario social, il mare via Facebook e YouTube

0

Nell’acqua ma anche sui social. L’Acquario di Livorno, il più grande della Toscana, ospita 2.000 animali acquatici di oltre 300 specie diverse, un tunnel con pareti di acqua e una vasca tattile. Un viaggio tra le bellezze dei mari e gli infiniti colori e forme dei pesci che entusiasma grandi e piccoli alla scoperta di un mondo naturale da conoscere e approfondire.

Per questo, oltre che nella bella struttura di piazza Mascagni, sul lungomare labronico, l’Acquario di Livorno è “visitabile” anche sulla pagina Facebook “Acquario di Livorno”, che conta quasi 10.000 “mi piace”, e su un apposito canale YouTube in cui i cliccatissimi video accompagnati da musiche emotivamente coinvolgenti conducono il navigatore in una sorta di “immersione” marina di pochi minuti ma molto intensa, sia dal punto di vista esperienziale che didattico.

Ancora non c’è un profilo Twitter: per il modo in cui sono gestiti e seguiti la pagina Facebook e il canale YouTube, così come il sito web www.acquariodilivorno.it, Twitter sarebbe lo strumento perfetto per rilanciare video, iniziative e novità che riguardano l’acquario. Non è un caso che l’hashtag #acquariodilivorno sia già abbastanza diffuso. Twitter sarebbe insomma la ciliegina sulla torta. Nei mari e sui social, i pesci dell’acquario sono sempre sulla cresta dell’onda.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

RICCARDO CLEMENTI

Giornalista, addetto stampa, scrittore, opera nel settore della comunicazione aziendale. Ha pubblicato opere di argomento sportivo come l’ebook 30. Sul campo, nella vita e il cartaceo Generazione Juventus. Storia di un gruppo di ragazzi innamorati della Vecchia Signora (Urbone Publishing) e due volumi sul tema della spiritualità nel mondo giovanile: Quando una pedalata ti cambia la vita. Due pontassievesi in sella verso Santiago (Comunità dei Figli di Dio) e Noi, pellegrini del nuovo millennio. Due pontassievesi in sella verso Colonia (Editrice Cattolica Sion). Nel 2013 ha narrato la vita di La Pira nel libro La forza della speranza. Giorgio La Pira, storia e immagini di una vita, il più ampio repertorio di immagini fotografiche sul “Sindaco Santo” (Polistampa). Nell’ottobre 2013 ha pubblicato per Mauro Pagliai il libro Dio è giovane! Settanta volte sette buoni motivi per crederci, un saggio che propone 70 riflessioni sul tema del Dio giovinezza dell’umanità. Nell’aprile 2015 ha fornito contenuti e informazioni per il libro Un viaggio in Toscana. La via della geotermia: dalla Val di Cecina all’Amiata (Effigi Editore). Nel luglio 2015 ha pubblicato con Mauro Pagliai il libro Il Contadino 2.0. Tutte le T della Toscana: dalla Terra alla Tavola passando per il Tablet che, partendo dalla storia di un giovane allevatore della Valdisieve, racconta come l’incontro tra antichi mestieri, innovazione tecnologica e nuovi mezzi di comunicazione possa tracciare la strada per uno sviluppo sostenibile e per una nuova ecologia umana. Nel febbraio 2018 ha pubblicato con Urbone Pubishing il libro Un Pirata in Cielo. 14 volte Pantani, dalle vette delle Alpi alle stelle del firmamento, che a 14 anni dalla morte di Marco Pantani ripercorre la vita del Pirata lungo le vie delle sue vittorie.

Leave A Reply


*