App IO, anche il Comune di Palermo aderisce al progetto nazionale

0

Il Comune di Palermo ha avviato il processo di “transizione” alla modalità digitale secondo le indicazioni del Piano triennale per l’Informatica nella Pubblica amministrazione, curato a livello nazionale dall’Agenzia per l’Italia Digitale. Il Piano rappresenta la guida nazionale che le Amministrazioni devono seguire per erogare ai cittadini servizi pubblici in modalità digitale.

Cresce l’accesso a Internet da dispositivi mobili, ed è in questo contesto che il Team per la Trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha realizzato un’applicazione nazionale per smartphone e tablet tramite la quale fruire dei servizi digitali.

L’app, che prende il nome di IO, è stata resa disponibile ad alcune Amministrazioni che si sono candidate alla sperimentazione nazionale.

L’app IO rappresenta un unico punto di accesso nazionale ai servizi erogati online dalle Pubbliche Amministrazioni (centrali e locali), e nel tempo ospiterà un numero crescente di servizi con l’obiettivo di ridurre, per il cittadino, la ricerca e visita dei singoli portali degli enti.

Il Comune di Palermo, grazie al supporto tecnologico della Società in house per i servizi informatici Sispi, ha già aderito alle piattaforme nazionali: dei pagamenti elettronici alle Pubbliche amministrazioni, PagoPA; di identificazione digitale del cittadino per l’accesso ai servizi online, SPID; dell’Anagrafe nazionale della popolazione residente, ANPR.

Coerentemente con il percorso di adesione alle piattaforme nazionali per l’erogazione dei servizi locali in modalità totalmente digitale, l’Amministrazione ora si appresta ad aderire alla sperimentazione di IO.

I cittadini che intendono scaricare l’app dovranno collegarsi alla pagina comune.palermo.it/io-app.php e seguire le indicazioni.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Redazione

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*