Digitalizzazione della PA: a Bagheria nominato il Responsabile della transizione al digitale e promossa l’acquisizione di competenze tecnologiche da parte dei dipendenti

0

L’amministrazione comunale di Bagheria, all’indomani dell’entrata in vigore del Decreto legge n.76/2020 sulla Semplificazione che ha apportato numerose novità al Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD), al fine di semplificare l’azione amministrativa, fondamentale per introdurre nuove tecnologie indispensabili per la diffusione dell’amministrazione digitale, si è adeguata al dettato normativo e ha nominato l’RDT, il responsabile della transizione al digitale.
Ad istituire questa figura è il decreto legislativo n.179/2016 che individua nel Responsabile per la transizione digitale la figura che deve garantire “l’attuazione delle linee strategiche per la riorganizzazione e la digitalizzazione dell’amministrazione definite dal Governo in coerenza con le regole tecniche”, figura che deve essere presente in tutte le Amministrazione e Comuni. Per il Comune di Bagheria è stata nominata responsabile della transizione al digitale la dottoressa Laura Picciurro, dirigente della direzione Cultura. 

La norma stabilisce che la nomina di RTD deve essere conferita ad un dipendente di livello dirigenziale in possesso di “adeguate competenze tecnologiche, di informatica giuridica e manageriali”, nel momento in cui il Covid ha reso ancora più evidenti quanto siano indispensabili la semplificazione del procedimento amministrativo elettronico, l’implementazione dei servizi digitali, l’accesso ai servizi in rete delle Pubbliche amministrazioni attraverso l’utilizzo delle tecnologie avanzate, il servizio di conservazione dei documenti informatici. 

È ormai appurato come, in molti enti pubblici, agli operatori manchino le nozioni base in ambito informatico e digitale, nonostante l’art. 12 della Legge 241/90 obblighi all’utilizzo degli strumenti informatici e telematici, sia nei rapporti interni che nei rapporti esterni con i privati, ma il Comune di Bagheria ha anche aderito al progetto “Competenze digitali per le PA” per la formazione del personale, iniziativa promossa dal Dipartimento della funzione pubblica nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020″.
Infatti, come indicato nel nuovo Piano Triennale per l’Informatica nella PA 2019/2021, ogni PA è tenuta a consolidare le competenze digitali e informatiche dei propri dipendenti. Non è più consentito temporeggiare: tutti coloro che operano all’interno della Pubblica Amministrazione devono possedere le competenze informatiche e digitali necessarie per svolgere le proprie funzioni, avendo chiari i processi e le nuove norme.

Per colmare il gap di competenze informatiche, digitali e ICT partendo dall’acquisizione delle competenze base informatiche, il Comune ha quindi aderito al progetto “Competenze digitali” come ente pilota e ha nominato l’RDT che tra i suoi principali compiti, oltre a rispondere direttamente all’organo di vertice politico, si occuperà della transizione alla modalità operativa digitale e dei conseguenti processi di riorganizzazione finalizzati alla realizzazione di un’amministrazione digitale e aperta, di servizi facilmente utilizzabili e di qualità, attraverso una maggiore efficienza ed economicità. Altro compito previsto riguarda pianificazione e coordinamento del processo di diffusione, all’interno dell’amministrazione, dei sistemi di posta elettronica, protocollo informatico, firma digitale e mandato informatico, e delle norme in materia di accessibilità e fruibilità.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Redazione

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*