Estate social a Firenze sulla Torre San Niccolò

0

E’ sempre bello condividere un momento di emozione e magari un’immagine particolarmente significativa, lo è di più se il soggetto è un panorama o un’opera d’arte. Firenze di scorci suggestivi è capace di regalarne tanti, ma la vista panoramica della città che garantisce la sommità di Palazzo Vecchio vale la gioia di uno scatto, magari condiviso in rete. Già alcuni mesi fa l’hashtag #PalazzoVecchioTower aveva permesso di archiviare numerose foto scattate dalla Torre di Arnolfo, contribuendo a creare addirittura una galleria virtuale su Facebook, Instagram e Twitter. Ora l’Associazione MUS.E., che si occupa proprio della valorizzazione della Torre di Palazzo Vecchio, ha lanciato un’iniziativa analoga per la Torre di San Niccolò in piazza Poggi, sicuramente una delle testimonianze storiche più importanti della città e uno dei punti panoramici più significativi di tutta Firenze. In cima alla Torre sarà possibile trovare un piccolo pannello con l’hashtag ufficiale #SanNiccoloTower e tre QR Code. A quel punto facendo lo scan con il proprio tablet o con lo smartphone si accede ai canali social ufficiali e la condivisione è fatta. Sarà bello da quel momento in poi condividere in rete le immagini più suggestive di Firenze che ognuno di noi saprà cogliere da quel punto così privilegiato. Un’opportunità particolare per fiorentini e non, in occasione di questa estate 2014, visto che la Torre San Niccolò resterà aperta (con orario 17-20) fino al prossimo 30 settembre.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

ANTONIO LIONETTI

Giornalista di lungo corso, preparazione universitaria ed esperienze lavorative informatiche, è materano da sempre ma ormai toscano (e senese) di adozione. Gli piace cimentarsi “di fioretto” con la penna, non disdegna con decisione “la spada” davanti a un computer. Sport, politica, teatro: alcuni dei suoi terreni preferiti per comunicare con un mondo sempre meravigliosamente “a colori”.

Leave A Reply


*