Genova, in arrivo una app per segnalare i guasti ai lampioni

0

Aster, l’azienda di manutenzione urbana del Comune di Genova, sta mettendo a punto un nuovo sistema, attualmente in fase di test, che consentirà ai cittadini di segnalare guasti agli impianti di illuminazione pubblica. Il progetto è stato presentato alla stampa pochi giorni fa dall’assessore alle manutenzioni Gianni Crivello, dal presidente di Aster Agostino Barisione e dal consigliere comunale Giampiero Malatesta, a cui si deve l’idea.

Lo strumento si basa su una cartina open source della città in grado di visualizzare tutti i 58mila lampioni cittadini. Funziona così: si localizza l’apparecchio spento sulla cartina, ci si clicca sopra e la segnalazione del guasto viene trasmessa senza intermediari alla centrale operativa. Subito dopo il cittadino riceverà un sms di ringraziamento per la collaborazione e, successivamente, la segnalazione dell’avvenuta riparazione.

L’innovazione tecnologica ha detto l’assessore Crivello rappresenta un punto di partenza per migliorare sempre più i rapporti tra azienda e i cittadini, nella direzione di una maggiore partecipazione e trasparenza. Collaboriamo insieme per migliorare la qualità di un servizio molto utile, con l’obiettivo di ampliare questa esperienza in altri settori“.

Il nuovo sistemaha detto il presidente di Aster Barisionenon esclude l’utilizzo del numero verde 800523188, ma serve semplicemente a far risparmiare il tempo che trascorre tra la segnalazione e la riparazione.  Il cittadino potrà comunicare direttamente con la centrale operativa e ricevere una risposta sulla soluzione del problema. Da alcuni anni, le nuove tecnologie informatiche costituiscono parte integrante della nostra organizzazione, compresa la comunicazione attraverso il sito web e Facebook. Presto verrà lanciata anche un’applicazione con la mappa dei cantieri aperti”.

Concluso il periodo di test, durante il quale saranno i tecnici di Aster a verificarne la piena operatività, lo strumento sarà disponibile per tutti i genovesi dalla metà di febbraio.

Ci auguriamo ha concluso Crivello che possa contribuire a rendere più efficace il servizio che Aster svolge ogni giorno. Questi strumenti, infatti, oltre ad essere elementi di avvicinamento alla cittadinanza, costituiscono un imprescindibile aiuto per l’azione sul campo”.

L’applicazione, che funzionerà su smartphone e tablet operanti in ambienti Android, iOS e Windows Phone, consentirà di localizzare i punti luce nella loro esatta posizione geografica grazie alla geolocalizzazione che li identifica sulla base della connessione Gps. Nel caso di mancanza di segnali sufficienti a definire una precisa posizione, ci si potrà avvalere di una ulteriore modalità di ricerca presente nella app.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Redazione

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*