Il Convitto nazionale Maria Luigia di Parma apre le porte agli Igers per #InstameetParma20

0

Mancano solo poche ore al primo Instameet del 2017 organizzato dalla community degli Igers di Parma: l’evento, dedicato agli amanti della fotografia e del social network Instagram, condurrà i partecipanti alla scoperta del Palazzo imperiale dell’Arena, lo storico edificio che ospita il Convitto nazionale Maria Luigia.

Guidati dalla studentessa @fede_massimi, i presenti visiteranno parte del palazzo e avranno l’opportunità di scattare fotografie nella Sala dei giganti, nella biblioteca storica e nel piccolo teatro. I tre spazi sono accomunati dalla presenza di grandi affreschi decorativi che attendono di essere immortalati.

Attualmente il Convitto nazionale Maria Luigia ospita scuole statali di diverso ordine e grado. La costruzione dell’edificio originario, destinato a diventare residenza imperiale di Federico Barbarossa, cominciò nel 1158. L’ultimo discendente della famiglia Lalatta, dalla quale fu ereditato, ne fece un collegio riservato all’accoglienza di studenti poveri. Nel 1821 la duchessa Maria Luigia ordinò la costruzione di un piccolo teatro all’interno del palazzo, che in seguito divenne sede del collegio ducale Maria Luigia (l’attuale convitto).

Gli Igers avranno la possibilità di raccontare su Instagram la bellezza e la magnificenza dell’edificio: attraverso gli scatti, condivideranno il loro personale punto di vista su un luogo della città così ricco di storia e fascino.

Al termine dell’#InstameetParma20 è in programma un aperitivo, durante il quale sarà scelta la foto più bella scattata durante l’evento.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Annalisa Sichi

Classe 1986, pistoiese e aspirante giornalista. Laureata in Comunicazione strategica alla Cesare Alfieri di Firenze. Ho lavorato per un anno nell'ufficio stampa del Comune di Pistoia, dove mi sono occupata anche della gestione dei social networ

Leave A Reply


*