Il libretto dell’opera lirica a portata di smartphone con la app Lyri

0

Opera lirica e innovazione tecnologica: un matrimonio insolito dai risultati inaspettati. In procinto di debuttare al teatro Farnese di Parma, Stiffelio − melodramma in tre atti musicato da Giuseppe Verdi − è accompagnato da uno strumento che consentirà agli spettatori di non farsi sfuggire neppure una parola. Il pubblico, infatti, potrà seguire il libretto dell’opera direttamente sul proprio smartphone o tablet grazie alla app Lyri Live.

Disponibile gratuitamente in versione iOS, Android e Windows, Lyri è pensata appositamente per i teatri: intuitiva e facile da utilizzare, la app sincronizza i testi dell’opera in tempo reale sui dispositivi elettronici, inoltre non disturba la visione dello spettacolo grazie allo sfondo nero e all’azzeramento automatico della luminosità.

Nata da un’idea di Riccardo Levorato, giovane ingegnere informatico e musicista, Lyri fece il suo esordio in Toscana, nel 2015, in occasione del Festival Pucciniano. Levorato ha raccontato di aver realizzato l’applicazione insieme ad alcuni compagni di studi, sviluppando un software che permette di visualizzare i testi inviati, attraverso il wifi, ai dispositivi presenti in teatro grazie a un operatore che segue in diretta la partitura.

Scaricabile dal sito lyri.it, nelle serate di spettacolo − Stiffelio andrà in scena il 30 settembre, il 6, 13 e 21 ottobre − Lyri metterà a disposizione degli utenti il libretto dell’opera in italiano e in inglese. Il Farnese consiglia di scaricare la app in anticipo, collegarsi alla rete wifi dedicata all’interno del teatro e avviarla per accedere al libretto nella lingua prescelta.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Annalisa Sichi

Classe 1986, pistoiese e aspirante giornalista. Laureata in Comunicazione strategica alla Cesare Alfieri di Firenze. Ho lavorato per un anno nell'ufficio stampa del Comune di Pistoia, dove mi sono occupata anche della gestione dei social networ

Leave A Reply


*