Innovazione, etica e investimenti: Prato premia le aziende virtuose del distretto

0
Far conoscere Prato e le sue industrie, attrarre investimenti sul territorio e dare ampio risalto alle realtà imprenditoriali che si sono contraddistinte per il rispetto delle regole, l’etica del lavoro e gli investimenti in termini di risorse umane e di innovazione tecnologica. C’è un progetto di ampio respiro e di grandi ambizioni, che vanno ben oltre i confini cittadini o regionali, dietro il Premio Santo Stefano: l’onorificenza, arrivata alla sua quinta edizione, continua a registrare ampio successo, riuscendo a ritagliarsi – anno dopo anno – uno spazio significativo all’interno del panorama toscano e non solo.
Sarà infatti un rappresentante del Governo, il ministro Maria Elena Boschi, l’ospite d’onore della cerimonia di consegna 2015: domani mattina, a partire dalle 10 nell’auditorium della Camera di Commercio, il Comitato promotore (formato da Diocesi, Comune, Provincia, Camera di Commercio e Fondazione Cassa di Risparmio di Prato), conferirà gli «Stefanini d’oro» alle tre aziende che si sono aggiudicate il prestigioso riconoscimento. Alla presenza del vescovo di Prato monsignor Franco Agostinelli, del sindaco e presidente della Provincia Matteo Biffoni, del presidente della Camera di Commercio Luca Giusti e della presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Prato Fabia Romagnoli, verranno lette le motivazioni e assegnati i premi, vere e proprie opere realizzate dall’artista Gabriella Furlani, già autrice in due edizioni. Le sculture, pezzi unici in pietra, bronzo e plexiglas, riportano la scritta «Coscienza, conoscenza e innovazione», le tre parole che rappresentano il motto del premio. La parte in bronzo è stata lavorata con la tecnica della cera persa, altre parti dell’opera sono state invece rivestite con foglia d’oro zecchino a 22 carati.
Come ogni anno, i nomi dei vincitori sono stati proclamati in Duomo dal vescovo di Prato il 26 dicembre, ricorrenza del patrono. Si tratta di due aziende del comparto tessile e di una attività del settore della cosmesi per capelli: Accoppiatura pratese, Lanificio dell’Olivo e Tricobiotos.
«Questo è un premio alle imprese, alle persone che lavorano e che lo fanno bene – spiega l’assessore comunale allo Sviluppo Economico Daniela Toccafondi -. Mi piace anche sottolineare che ogni anno tra i premiati abbiamo aziende non tessili di grande livello conosciute nel mondo. E’ un bel segno di fiducia, ne abbiamo bisogno e lo “Stefanino” serve proprio a rendere visibile il bello che abbiamo, il potenziale che Prato è in grado di offrire».
In cinque edizioni il riconoscimento è andato a 23 imprese, di cui 16 del settore tessile. Tra i criteri di assegnazione, oltre al rispetto rigoroso delle leggi e dell’etica d’impresa, la salvaguardia e l’incremento dei posti di lavoro, grande attenzione è riservata anche i bilanci, che certificano la salute e la buona tenuta dell’azienda.
Le aziende premiate nel 2015.
Accoppiatura pratese, nata nel 1973, si trova a Montemurlo e si occupa di lavorazione conto terzi di tessuti accoppiati e spalmati, destinati a vari settori industriali quali l’abbigliamento, i calzaturifici, la pelletteria, la valigeria e la creazione di tessuti a uso industriale. Innovazione e tecnologia sono i punti di forza dell’azienda che nel corso degli anni ha sempre ampliato il suo organico. Oggi conta 29 dipendenti.
Lanificio dell’Olivo spa è specializzato in ideazione e produzione di filati con elevato contenuto di ricerca per l’industria della maglia e per aguglieria. Ha un unico polo produttivo a Capalle, nel Comune di Campi Bisenzio. Conta 60 addetti. Tra le caratteristiche individuate, la capacità innovativa, la produzione interna (con un l’intero ciclo produttivo compiuto nei propri stabilimenti), un elevato orientamento marketing e l’abilità nel dare risposte veloci al mercato.
Tricobiotos è un’azienda di Vaiano specializzata nella produzione e commercializzazione di prodotti cosmetici per la cura e la bellezza dei capelli. Innovazione, eccellenza e una profonda conoscenza del settore professionale le hanno consentito di crescere costantemente in dimensioni e fatturato e di affermarsi a livello internazionale. Oggi è presente in oltre quaranta Paesi.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

GIULIA GHIZZANI

Giornalista per passione, curiosa per natura. Pratese DOC, classe 1988. Una laurea in Scienze Politiche e tanta voglia di raccontare ciò che succede in giro. Ho scritto per "Il Giornale della Toscana", "Firenze Post" e "Tv Prato.it". Da gennaio 2013 conduco il tg della sera su Tv Prato e realizzo servizi e inchieste per l'emittente. Per un anno ho lavorato all'interno dell'ufficio stampa del Comune di Prato occupandomi della stesura dei comunicati, della gestione delle conferenze e dei social network. Presentatrice di eventi e manifestazioni, amante dei viaggi, divoratrice di libri e cibo cinese. Sportiva, iperattiva, lunatica (a seconda dell'oroscopo di Brezsny). Segni particolari: mai a corto di parole...

Leave A Reply


*