La app ‘Il museo in tasca’ per conoscere i musei di Pienza

0

Il Museo Diocesano Palazzo Borgia di Pienza ha lanciato la nuova applicazione per dispositivi mobili “Il museo in tasca”. Il progetto è stato realizzato nell’ambito del Festival Unesco, un calendario di iniziative per la promozione integrata dei 4 siti Unesco della provincia di Siena, coordinato da Fondazione Musei Senesi. I contenuti della app sono stati prodotti da alcuni giovani studiosi dell’Università di Siena – Federico Barnato, Vincenzo Curiale, Benedetta Drimaco, Gloria Giuliani, Raffaele Moretti –  con il coordinamento del direttore del museo, Gabriele Fattorini, e di Fondazione Musei Senesi.

Grazie all’applicazione è possibile conoscere la storia e le collezioni del Museo Diocesano di Pienza, attraverso un percorso incrociato tra gli oggetti, i loro contesti di provenienza e i temi ad essi pertinenti, in una lettura multidisciplinare che permette diversi gradi di approfondimento e che invita alla scoperta del territorio a partire dal museo. Sul proprio tablet o sul proprio smartphone, l’utente avrà modo di ripercorrere le vicende legate alla carismatica figura di Enea Silvio Piccolomini, più noto come papa Pio II, di osservare da vicino le opere realizzate dai grandi artisti senesi, da Pietro Lorenzetti a Sano di Pietro, e fare un viaggio ideale nei luoghi circostanti alla città di Pienza, da Spedaletto a Monticchiello. La app è disponibile gratuitamente su Apple Store e Google Play, e consentirà di scaricare anche i contenuti di altri musei già disponibili sulla piattaforma. Si tratta del  Museo di Storia Naturale Accademia dei Fisiocritici, il Museo Civico Archeologico e della Collegiata di Casole d’Elsa e, a brevissimo, il Museo Archeologico del Chianti Senese. “Il museo in tasca” è stato prodotto da Fondazione Musei Senesi in seno al bando “Musei Accreditati Regione Toscana 2013″, in collaborazione con cinque Comuni della provincia di Siena (Colle di Val d’Elsa, capofila; Abbadia San Salvatore, Asciano, Casole d’Elsa, Castellina in Chianti) e con l’Accademia dei Fisiocritici di Siena. La struttura della app, modulare, permette all’utente, una volta scaricata, di aggiornare facilmente i contenuti con i nuovi musei che si inseriscono nel progetto. La app è stata realizzata da T4All-Technology for All.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Redazione

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*