Libri in prestito via smartphone nelle biblioteche di Biella

0

È a disposizione per il download gratuito negli store digitali di Apple e Google la nuova applicazione BiblioBi. Si tratta di uno strumento pensato per gli utenti del sistema bibliotecario biellese, che consente di avere sempre a portata di smartphone news ed eventi, ma soprattutto il catalogo dei libri per richiedere un prestito o rinnovarlo quando si è vicini alla scadenza, senza doversi presentare al bancone. Una funzione che coniuga la app con la fotocamera, inoltre, consente di inquadrare il codice a barre di un libro visto su una bancarella o in un negozio e di verificarne la disponibilità in tempo reale in una delle biblioteche del polo.

«Dall’apertura dell’applicazione alla richiesta di prestito passano pochi secondi» spiega Anna Bosazza, direttrice della biblioteca di Biella che ha seguito la realizzazione di questo strumento informatico. «E registrandosi nell’app si sveltiscono le operazioni di richiesta del prestito e rinnovo, perché l’applicazione memorizza nome utente e password».

«Si tratta di uno strumento» aggiunge l’assessore alla cultura Teresa Barresi «che offre un servizio in più ai cittadini. Negli ultimi mesi è stato ridisegnato il sito web, è stata inaugurata la nuova sede di piazza Curiel con orari ampliati e un flusso crescente di utenti, oltre alla ricchezza di eventi in biblioteca, l’ha resa un luogo chiave per la vita culturale in città. Con il completamento del restauro della Palazzina Piacenza, nei prossimi mesi, anche la Biblioteca dei Ragazzi tornerà ad avere una sede in grado di sostenerne la crescita».

L’applicazione presenta, nella schermata d’ingresso, una selezione di novità editoriali e le notizie sugli eventi in calendario in tutte le biblioteche del polo biellese. In basso c’è il menu che consente di accedere alle varie sezioni, dal proprio profilo utente (indispensabile per poter richiedere in prestito i libri) alle funzioni di ricerca.

La app è stata progettata da Data Management, la stessa società di software che ha ridisegnato il sito web del sistema bibliotecario, ed è stata finanziata dalla Compagnia di San Paolo. L’applicazione è scaricabile qui per Apple e qui per Android.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Redazione

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*