L’Istat sui social network: per ogni target un formato diverso

0

resize (2)Nell’epoca della società dell’informazione i dati statistici sono passati da bene di nicchia ad essere una commodity, un prodotto che può interessare a target di vario tipo. Per questo motivo si sono moltiplicati anche i produttori di informazione, concorrenti dell’Istituto Nazionale di Statistica che oggi deve assicurarsi il ruolo di top player del settore. Anche per questo una buona comunicazione sui social network è certamente essenziale. È stata Giulia Mottura, capo servizio direzione Comunicazione Istat, ad illustrare l’esperienza dell’ente sui social in occasione di Social Media Manager – Gli Stati generali della nuova comunicazione pubblica il 17 novembre scorso a Roma.

La strategia di comunicazione social di Istat mette al centro l’utente, o meglio gli utenti. Tra i target  di riferimento ci sono infatti utenti istituzionali, privati cittadini, studenti, insegnanti, media, blogger, data journalist e ricercatori, e tutti sono alla ricerca di dati su misura per i loro obiettivi. La consapevolezza dalla quale muove Istat per agire sui social è che i contenuti prodotti saranno riutilizzati e condivisi, per questo è necessario diffonderli attraverso diverse tipologie di formato. Le infografiche, ancora una volta, possono rivelarsi molto utili per sfidare la complessità e rendere accessibili ad un pubblico piuttosto vasto i big data statistici.

Catturasta

L’attività sui social network da parte dell’Istituto Nazionale di Statistica non ha comportato solo la necessità di aprire l’informazione ma anche di aprirsi al dialogo con l’utenza, attraverso vari canali. Primo tra tutti Twitter @istat_it, lanciato nel 2010 che permette a Istat di fare informazione statistica in tempo reale, assistere gli utenti nella ricerca dei dati e fornire chiarimenti per il loro utilizzo. L’account è in crescita costante e ha registrato +600 follower al mese nel 2015. Inoltre nel 2012 è stato aperto anche un account in inglese @istat_en. Al secondo posto arriva Facebook, fondamentale per la promozione di determinati eventi dell’ente. Anche Youtube si rivela molto importante e viene utilizzato per la realizzazione di video tutorial che accompagnano altre tipologie di informazioni come il comunicato stampa. Infine Slideshare, molto utile a studenti e ricercatori, dove sono diffusi i risultati delle ricerche Istat e le slide di alcuni eventi

Per le slide dell’intervento di Giulia Mottura e degli altri speech dell’evento Social Media Manager – Gli Stati generali della nuova comunicazione pubblica, visita la sezione Materiali di Cittadini di Twitter.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

ELEONORA MARINI

Italo-francese. Laureata in comunicazione. Le mani sulla tastiera e l'orecchio teso alle novità dal mondo del web, che poi non è separato da quello reale.

Leave A Reply


*