Monugram, lo “shazam” dei monumenti: una mobile app in grado di riconoscere qualsiasi monumento da una foto

0

Insignita nello scorso mese di dicembre del prestigioso premio Angi, gli “Oscar” dell’innovazione Made in Italy, l’app Monugram (disponibile per iOS e presto anche per Android) è lo “shazam” dei monumenti. Per saperne di più abbiamo intervistato il CEO Valerio Rossi, che di Monugram è l’ideatore insieme a Mattia Novelli e Daniele Fioribello.

Rossi, come è nata l’idea di Monugram?

Monugram nasce nel 2018 nel percorso di incubazione “Dock3 – The Startup Lab”, programma di imprenditorialità innovativa promosso dall’Università degli Studi di Roma Tre, aggiudicandosi il primo premio in seguito del DemoDay a conclusione del programma di incubazione. Abbiamo presentato la Startup a una platea di oltre 300 investitori, delineandone i passi. Incrociando le skill trasversali del team che vanno dall’intelligenza artificiale al turismo, passando ovviamente per lo sviluppo di applicazioni mobili, e studiando il mercato turistico globale, abbiamo individuato una serie di lacune di customer experience relative alla fruizione dei contenuti di viaggio che hanno portato alla nascita di Monugram.

Può spiegare la sua funzionalità e chi dovrebbe fruirne?

Lato utente Monugram è lo “shazam” dei monumenti. Una mobile app in grado di riconoscere e descrivere qualsiasi monumento o luogo di interesse nel mondo scattandone semplicemente una foto, e che propone le migliori opzioni di tour e attività turistiche connesse.Lato business Monugram è uno store di tour e attività turistiche focalizzato sull’esperienza mobile. Monugram permette a Tour Operator, e creatori di tour e attività in generale, di caricare in app i propri prodotti e mostrarli agli utenti. Con Monugram il conversion rate e le vendite di questi soggetti incrementano notevolmente in quanto riescono a vendere i propri prodotti di viaggio ai clienti nel momento in cui essi si trovano già fisicamente di fronte ad una attrazione, a differenza di altri che focalizzano le loro vendite esclusivamente sull’approccio online e tramite sito web.

Quali obiettivi vi prefiggete?

Il nostro obiettivo primario, da validare a seguito della pubblicazione della nuova versione del prodotto che avverrà a inizio gennaio 2020, è quello di raggiungere quanto prima alti valori di turnover e transati provenienti dall’acquisto di tour e attività in app da parte degli utenti. Una volta validata questa prima parte sarà sicuramente più agevole attirare quanti più content creators all’interno del nostro catalogo.

A quale pubblico vi rivolgete?

Il nostro target di riferimento non può essere definito in modo anagrafico (in quanto molto vario da questo punto di vista) ma partendo dal profilo tipo e dagli interessi. Perciò, i nostri utenti tipici sono viaggiatori 2.0, che non prescindono dalla tecnologia per vivere a pieno una qualsiasi esperienza di viaggio e che sono interessati a conoscere quanto più possibile le destinazioni in cui si recano attraverso tour e attività tipiche di quel luogo, che vanno dall’esperienza culinaria alla visita di uno specifico luogo d’interesse.

Avete instaurato collaborazioni specifiche?

Al momento abbiamo stretto accordi con 7 Tour Operator internazionali, i quali utilizzano la nostra app come strumento di raccordo con i loro clienti. Inoltre, vantiamo partnership sensibili con colossi del mercato turistico come Expedia e Booking che ci permettono da un lato di offrire servizi ai nostri utenti (come ad esempio scaricare in app le prenotazioni effettuate attraverso uno di questi portali) e dall’altro di avere a disposizione un catalogo di contenuti esperienziali che al momento risulta essere uno dei più vasti sul mercato.

Pogetti di sviluppo per il futuro?

Nel breve termine vogliamo provare a validare delle strategie business che ruotano attorno al nostro catalogo esperienziale per attirare sempre più utenti e acquisire una posizione solida sul mercato. Tra queste strategie rientra una politica di cashback sugli acquisti in app che introdurremo a breve.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

CRISTINA ZANNIER

Cristina Zannier è dipendente del servizio Turismo e relazioni esterne del Comune di Grado e social media manager dell’Ente. Dopo gli studi classici ha approfondito i temi della gestione della cultura, in particolare in ambito bibliotecario, e dell’organizzazione di eventi tramite diversi corsi. Lavorando a diversi progetti culturali e turistici promossi da enti pubblici locali ha inoltre acquisito competenze nella gestione amministrativa della Pubblica amministrazione. Dal 2012 si occupa di promozione del territorio coniugando canali di comunicazione online, offline e eventi. Insieme a Lara Anniboletti e Giuseppe Ariano coordina il tavolo nazionale Cultura e Turismo di PA Social.

Leave A Reply


*