PAeSI, crescono i canali di comunicazione: al portale si affiancano la pagina Facebook e il profilo Twitter

0

Consentire l’accesso per via telematica alle informazioni e ai servizi che coinvolgono amministrazioni pubbliche e stranieri: è l’obiettivo del portale PAeSI (Pubblica amministrazione e stranieri immigrati). Inserito nell’Agenda digitale toscana, PAeSI mira a creare una circolarità e una condivisione di informazioni tra i soggetti della pubblica amministrazione, le associazioni di categoria e le rappresentanze del mondo delle professioni per lo snellimento e la trasparenza dei procedimenti amministrativi e la costruzione di un corretto sistema di rapporti fra pubblico e privato.

Il servizio mette a disposizione schede informative che descrivono in dettaglio i procedimenti in materia di immigrazione, una banca dati contente la normativa italiana sul tema, notizie e newsletter, approfondimenti, avvisi e bandi, guide, pubblicazioni e molto altro. PAeSI è il prodotto dell’interazione tra un sistema di soggetti istituzionali a diversi livelli territoriali che collaborano tra loro per pervenire a uno strumento di lavoro aggiornato e attendibile, realmente utile al lavoro di tutti gli operatori. Realizzato dalla Regione Toscana in collaborazione con Prefettura di Firenze e Istituto di teoria e tecniche dell’informazione giuridica (Ittig) del Cnr, viene aggiornato e validato anche grazie al contributo di tutte le Prefetture della Toscana.

Di recente PAeSI ha incrementato i propri canali di comunicazione: al portale si sono affiancati la pagina Facebook e il profilo Twitter dedicati. Adesso è possibile seguire notizie e aggiornamenti in materia di immigrazione (procedure, norme, servizi, progetti e opportunità), con particolare attenzione al territorio regionale, anche sui social media.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

Redazione

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*