Siena si regala l’Ecomuseo versione smartphone

0

Siena si è fatta un regalo in più in occasione dell’ultimo Palio di agosto corso in Piazza del Campo qualche giorno fa. Proprio nei giorni della festa per la tradizionale Carriera dell’Assunta infatti in città è stato presentato il progetto dell’Ecomuseo digitale, prima piattaforma di questo tipo realizzata con il contributo coordinato di tutte le 17 contrade senesi e organizzata dal magistrato delle Contrade e dal Consorzio per la Tutela del Palio. Si tratta di una nuova piattaforma web (www.ecomuseosiena.org) realizzata con una grafica particolarmente facile da usare e utilizzabile da smartphone, per dispositivi android e apple. Un vero e proprio museo virtuale, basato su una mappa navigabile che contiene schede georeferenziate dedicate ai diversi ambiti del patrimonio artistico e culturale delle contrade e quindi della città. Il tutto è corredato da numerosi contenuti di approfondimento come gallery fotografiche particolarmente curate, contributi audio e video, link e documenti. E’ possibile consultare i materiali in maniera interattiva attraverso categorie tematiche e parole chiave di ricerca, grazie ad un lavoro attento che ha impegnato per questo progetto numerosi studiosi ma anche gli stessi contradaioli. Spesso infatti sono stati molti di loro, magari tra i più giovani, a realizzare testimonianze preziose e materiali che sono stati archiviati per la consultazione online nella visita all’Ecomuseo di Siena, che punta quindi ad essere un altro riferimento importante per la promozione culturale e turistica della città del Palio.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

ANTONIO LIONETTI

Giornalista di lungo corso, preparazione universitaria ed esperienze lavorative informatiche, è materano da sempre ma ormai toscano (e senese) di adozione. Gli piace cimentarsi “di fioretto” con la penna, non disdegna con decisione “la spada” davanti a un computer. Sport, politica, teatro: alcuni dei suoi terreni preferiti per comunicare con un mondo sempre meravigliosamente “a colori”.

Leave A Reply


*