#VediNapoliPoiRoma, in rete il video che avvicina le due città

0

I social network e la rete riusciranno ad arrivare lì dove numerosi tentativi hanno fallito? E’ quello che si augurano due tifosi particolari di Napoli e Roma ma più in generale tutti quelli che hanno a cuore il gioco del calcio in vista del match tra le due squadre in programma il 1° novembre. Dopo i fatti dell’Olimpico dello scorso maggio in occasione della finale di Coppa Italia e la morte di Ciro Esposito, da tempo ormai si pensa a questa partita con una certa dose di apprensione negli ambienti dell’ordine pubblico ma anche in quello degli stessi sportivi. Lo scrittore napoletano Francesco Paolo Oreste e il cantautore romano Andrea Gioia, tifosi delle loro squadre, hanno così deciso di affidare il loro comune tentativo al web, realizzando un video pubblicato su YouTube che rappresenta un vero e proprio invito alla distensione tra le due città. “Vedi Napoli e poi Roma”, con questo titolo i due appassionati supporter hanno voluto lanciare contemporaneamente una campagna anche su Twitter, dove attraverso gli hashtag #VediNapoliPoiRoma, #AmoNapoliPerchè e #AmoRomaPerchè sperano di raccogliere in breve tempo contributi reciproci di stima e partecipazione tra napoletani e romani che possano diffondere un clima decisamente più respirabile. “Il clima di odio che si è instaurato è francamente inaccettabile – hanno dichiarato i due – ci affidiamo al video e alla rete nella speranza di rendere veramente incisivo questo messaggio pacificatore”. L’invito implicito è rivolto anche a personaggi noti, napoletani che potrebbero raccontare delle bellezze e del fascino di Roma così come romani chiamati a parlare delle magìe e dell’incanto di Napoli. Utopia? No, se solo ci si crede davvero. La rete ci offre una grande opportunità, basta coglierla.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

ANTONIO LIONETTI

Giornalista di lungo corso, preparazione universitaria ed esperienze lavorative informatiche, è materano da sempre ma ormai toscano (e senese) di adozione. Gli piace cimentarsi “di fioretto” con la penna, non disdegna con decisione “la spada” davanti a un computer. Sport, politica, teatro: alcuni dei suoi terreni preferiti per comunicare con un mondo sempre meravigliosamente “a colori”.

Leave A Reply


*