Social, chat, intelligenza artificiale: non più “nuova” comunicazione ma normalità

0

L’Italia è un modello a livello internazionale per l’ampia comunità e rete della nuova comunicazione costruita in questi anni. Sono sempre di più le buone pratiche nazionali e locali di utilizzo dei principali social network, delle chat e anche dell’intelligenza artificiale per servizi e informazioni di utilità e dialogo. È ormai un fatto che i nuovi mezzi di comunicazione sono straordinari strumenti di servizio pubblico. Il lavoro, però, è ancora all’inizio: i cittadini cercano dei punti di riferimento, una bussola da seguire nel mare di informazioni e servizi quotidiani, per questo enti, aziende pubbliche e imprese devono investire sulla qualità, non basta più esserci, bisogna farlo bene.

Dalla ricerca della quantità (per niente scontata fino a qualche anno fa) oggi stiamo necessariamente lavorando sulla qualità con l’obiettivo di sfruttare al massimo le positive potenzialità del web e dei social network, combattendone l’uso distorto e scorretto. Per farlo servono molte cose e un lavoro costante e diffuso, anche per questo come associazione PA Social abbiamo deciso di investire sulle competenze, la formazione, il continuo scambio di buone pratiche, la ricerca, la divulgazione, la community/comunità, il riconoscimento delle nuove figure professionali della comunicazione e del digitale, una nuova organizzazione della comunicazione.

“Web, social, chat, intelligenza artificiale: dalla quantità alla qualità”, è il titolo che abbiamo scelto per l’assemblea nazionale dell’associazione PA Social, che si terrà a Roma il prossimo giovedì 15 novembre (qui maggiori informazioni). Sarà l’occasione per fare il punto della situazione sulla nuova comunicazione italiana, i servizi, le informazioni, il dialogo e l’interazione attraverso il web, i social network, le chat, l’intelligenza artificiale. A che punto sono le nostre istituzioni, le aziende pubbliche, le imprese? Che percezione hanno i cittadini dei servizi offerti? Ma soprattutto, in quale direzione andiamo? Quali sono gli obiettivi del presente e del futuro? Tante domande alle quali proveremo a rispondere concretamente presentando numerose opportunità e novità per proseguire il percorso di sviluppo della nuova comunicazione italiana con due riferimenti molto chiari: il cittadino e l’innovazione. Un viaggio iniziato da qualche anno che è prima di tutto un grande passaggio culturale, anche per questo abbiamo scelto due luoghi di cultura che ospiteranno a Roma la nostra assemblea: il Museo MAXXI e l’Auditorium Parco della Musica. Tanti i temi al centro del dibattito: un forte investimento sulle competenze e la formazione, il riconoscimento delle nuove figure professionali, un nuovo modello organizzativo per la comunicazione pubblica, una legge “151”, scenari e numeri del rapporto tra cittadini, PA, imprese e social network, scenario internazionale su nuova comunicazione e Open Government, l’innovazione nei servizi pubblici, il lavoro delle aziende dei social per PA e aziende a portata di cittadino, linguaggi e modalità di interazione, comunità e community, servizi digitali e smart city.

Numerosi gli argomenti che saranno approfonditi ai tavoli di lavoro tematici: sanità, cultura, turismo, ambiente, servizi pubblici, gestione emergenze, istruzione, educazione al digitale, formazione, PA e imprese, servizi digitali, nuove professioni, modelli organizzativi, legge 151. Lo faremo con tanti relatori, esperti, amici e soci da tutta Italia. Nella plenaria che si svolgerà all’Auditorium del Museo MAXXI (9,30-13,30) i saluti di  Prisca Cupellini (Responsabile Comunicazione e Digital Museo Maxxi) e Lucia Ritrovato, (Responsabile Comunicazione Fondazione Musica per Roma – Auditorium Parco della Musica), gli interventi di Alessandro Bellantoni (Head of Open Government Unit OECD), Livio Gigliuto (Direttore Istituto Piepoli), Gianluca Spitella (Direttore Comunicazione Utilitalia), Erica Sirgiovanni (Ufficio stampa e comunicazione Agenzia per l’Italia Digitale), Angelo Mazzetti (Public Policy Manager Facebook Italia), Alessandro Gallo (Responsabile per la Pubblica amministrazione e i partner LinkedIn Italia), Caterina Perniconi (Coordinatrice Formazione Associazione PA Social), Sergio Talamo (Direttore Comunicazione Formez PA), Francesca D’Onofrio (Responsabile campagne social Dipartimento per l’informazione e l’editoria Presidenza del Consiglio), Barbara Mazza (Conferenza nazionale Corsi di laurea in Scienze della comunicazione), Michela Stentella (Responsabile redazione FPA – Forum PA), Alberico Vicinanza (Responsabile Pubblica Amministrazione centrale e Locale The Innovation Group), Marisandra Lizzi (Founder IPress Live), Marco Laudonio e Nunzia Assunta D’Aquale (Ministero dell’Economia e delle Finanze). Nel corso della plenaria saranno presentati anche tutti i coordinamenti e i coordinatori regionali dell’associazione PA Social. La comunità/community è fondamentale e il lavoro che stanno portando avanti i territori è straordinario, ognuno di loro ci porterà un’idea per il 2019. Nel pomeriggio, presso l’Auditorium Parco della Musica, spazio ai tavoli di lavoro tematici: Sanità (coordinano Lorella Salce, Marzia Sandroni, Roberta Mochi), Cultura e Turismo (coordinano Giuseppe Ariano, Cristina Zannier), Ambiente, servizi pubblici, gestione emergenze (coordinano Francesca Maffini, Gianluca Spitella, Gianluca Garro), Istruzione, educazione al digitale, formazione (coordinano Alessandra Migliozzi, Caterina Perniconi, Francesco Nicodemo), PA e imprese, servizi digitali (coordinano Marco Bani, Luigi Tucci, Eleonora Zaccheroni), Nuove professioni, modelli organizzativi, legge 151 (coordinano Luisa Gabbi, Sergio Talamo). I tavoli sono molto importanti per approfondire i temi e portare idee e piattaforme di lavoro all’intera associazione.

L’assemblea PA Social è organizzata dall’associazione con lo sponsor istituzionale Utilitalia, la collaborazione del Museo MAXXI e dell’Auditorium Parco della Musica, il patrocinio dell’Agenzia per l’Italia Digitale, i partner FPA-Forum PA e The Innovation Group, i media partner Agi, IPress Live, cittadiniditwitter.it, ilgiornaleprotezionecivile.it.

L’assemblea è aperta alla partecipazione di tutti fino ad esaurimento posti, questo il link per le iscrizioni. L’intera giornata sarà in diretta social con hashtag #pasocial. Saranno tante le sorprese, vi aspettiamo numerosi come sempre!

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

FRANCESCO DI COSTANZO

Presidente PA Social - Associazione Nazionale per la nuova comunicazione. Fondatore e direttore di cittadiniditwitter.it. Esperto di comunicazione, social network e autore dei libri "PA Social. Viaggio nell'Italia della nuova comunicazione tra lavoro, servizi e innovazione" (2017. Franco Angeli Editore), “Cittadini di Twitter. La nuova comunicazione nei servizi pubblici locali” (2012, Indiscreto Stefano Olivari Editore), “Comune di Twitter” (Anci Toscana – Polistampa Editore, 2013) e “WhatsApp in città? La nuova frontiera della comunicazione pubblica” (Di Costanzo - Marrucci, 2015, Indiscreto Stefano Olivari Editore). Organizzatore di numerosi convegni, corsi, lezioni e presentazioni sulla nuova comunicazione via web e social network. Fondatore con numerose aziende di trasporto pubblico italiane del network #socialbus, prima rete europea per lo sviluppo della comunicazione social nel settore dei trasporti. Promotore di numerose iniziative e campagne, come #socialcity e #socialutility, per lo sviluppo e la promozione dell’utilizzo di web e social network per l’informazione pubblica e di servizio ai cittadini.

Leave A Reply


*