Alla scoperta della mostra online del Gabinetto disegni e stampe degli Uffizi

0

L’Amico rivisitato. Amico Aspertini e altri bolognesi, è una mostra online del Polo Museale Fiorentino e insieme un evento espositivo nella Sala Edoardo Detti del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi a Firenze.

Questa felice combinazione tra un evento fisico e la sua trasposizione online segna un punto di svolta per una delle più vaste collezioni del mondo di disegni antichi. L’interesse della mostra online e della sua contemporanea esposizione agli Uffizi consente ai visitatori interessati di documentarsi e familiarizzarsi con le opere presentate in maniera da capire appieno la portata della mostra, la raffinatezza dei capolavori presentati e la sofisticazione dei rapporti d’influenza all’interno delle Scuola Bolognese tra il Quattrocento e il Cinquecento.

Perché la mostra online non è solo una digitalizzazzione delle immagini, ma è anche un’accurata descrizione storico-artistica di ogni disegno presentato che consente al visitatore online di acquisire una conoscenza scientifica dei disegni presentati. Inoltre, la fruibilità delle opere digitali è notevole: l’altissima risoluzione della resa fotografica consente di osservare da vicino ogni minimo particolare dei disegni presentati,  integrando  in maniera davvero interessante la visita “dal vivo”.

I 37 disegni digitalizzati ed esposti provengono dalle collezioni del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi e permettono di rileggere sia la produzione di Amico Aspertini, sia dell’ambiente dove questi si formò. Comune denominatore nell’arte di Amico sono l’interesse per l’antico e la riflessione sui diversi maestri a lui contemporanei, come Michelangelo, Raffaello e i veneti; tali predilezioni si coniugano, poi, con la cultura nordica tedesca, conosciuta non solo attraverso la circolazione delle stampe, e reinterpretata alla luce di una continuità ideale dell’artista con la tradizione più icastica ed espressionistica del Trecento bolognese.

Questa prima mostra online si focalizza su un solo artista, Amico Aspertini, la cui presenza nella collezione del Gabinetto Disegni e Stampe è tuttavia così cospicua da costituire un nucleo di opere molto significativo ed inaugura una nuova stagione del Progetto Euploos che, a partire dall’agosto del 2014, grazie al prezioso sostegno di Intesa Sanpaolo – Unità Beni Archeologici e Storico Artistici, porterà a termine nell’arco di tre anni una rivisitazione critica dell’intera collezione di disegni della Collezione degli Uffizi.

Il Progetto Euploos si configura come un programma di ricerca interdisciplinare, innovativo e costantemente in progress, nato dalla confluenza su intenti comuni delle capacità ed energie del Kunsthistorisches Institut in Florenz Max-Planck-Institut, della Scuola Normale Superiore di Pisa e della Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, con particolare riferimento al Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi (GDSU).

L’obiettivo finale è di rendere disponibile in rete l’intera raccolta del GDSU (oltre 150.000 opere tra disegni, incisioni, miniature e fotografie databili dal Trecento ai giorni nostri) attraverso la realizzazione di un catalogo completo su supporto informatico.

Intanto buona visita di Amico Aspertini http://www.polomuseale.firenze.it/gdsu/euploos/#/mostreonline e a presto online!

Note

L’Amico rivisitato. Amico Aspertini e altri bolognesi a cura di Marzia Faietti – con Roberta Aliventi, Laura Da Rin Bettina, Michele Grasso, Giorgio Marini e Raimondo Sassi.

In mostra fino all’8 Febbraio 2015: le opere in originale sono allestite nella sala espositiva Edoardo Detti del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi. Orario: dal Martedì alla Domenica, ore 8.15-18.50, ingresso libero con il biglietto della Galleria degli Uffizi.

La mostra si avvale di un catalogo scientifico digitale che rimarrà disponibile in maniera permanente come mostra online sul sito web del Polo Museale Fiorentino all’indirizzo http://www.polomuseale.firenze.it/gdsu/euploos/#/mostreonline.Fotografia di Melissa Pignatelli: Ramenghi Bartolomeo detto Bagnacavallo (1484 (?)/ 1542 (?), Adorazione dei pastori, pennello e inchiostro diluito di due tonalità (marrone e grigio), biacca (carbonato basico di piombo) su carta tinteggiata con colore grigio, mm. 147 x 205, timbro a inchiostro di collezione: Reale Galleria degli Uffizi (Lugt 930) sul recto in basso a sinistra.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

MELISSA PIGNATELLI

Antropologa culturale, etnografa dei media. Dopo un passato universitario, nel 2011 sono diventata una "blogger accademica" mettendo su larivistaculturale.com unitamente ai social media. Credo nell'innovazione della comunicazione culturale e nella forza della curiosità che spinge la ricerca.

Leave A Reply


*