Un rubino Syrah scolpito nella pietra

0

Baldetti7 Mario diceva che il vino è rosso e sangiovese o non è. Storia di vita e di lavoro scolpite nella pietra della Pietraia,  collina che guarda Cortona under the Tuscan sun, come il libro di Frances Mayes che ha scelto il borgo antico  come casa e spalancato le porte dell’America al ‘paese mio che stai sulla collina, disteso come un vecchio  addormentato’ (cantava Josè Feliciano).

Il ‘mantra’  di Mario per molti anni è stato tavola della legge per i tre figli, poi quasi una sfida nei botta e  risposta in vigna o davanti a un bicchiere di rosso. Mario era il sangiovese, ma guardava anche oltre. Innovatore quando negli anni ’70 era difficile esserlo e farlo; quando creò da zero la Doc Bianco Vergine della Valdichiana, infrangendo schemi e totem tinti di rosso. Primo vignaiolo a imbottigliare. Mario era un vulcano e una roccia.
Baldetti1Oggi Marius è il vino di Mario, sangiovese di razza, naso carico di profumi, ricco di sottobosco e tannino ‘gentile’, armonia perfetta. L’armonia dei contrasti: vino tosto e generoso, arrabbiato e amabile, indomabile e morbido.

Marius è il vino che parla di lui, etichetta rossa con la sua firma autentica riprodotta: è l’omaggio dei figli, la memoria che si perpetua, la vita che si rinnova nel solco di una tradizione e di una cultura incancellabili; il testimone consegnato, il futuro trasmesso, la sapienza dell’esperienza. Lo bevi e ci ritrovi le parole di Mario: il vino è rosso e sangiovese o non è. E’ la pietra miliare su cui poggia quello che oggi è l’azienda agricola Baldetti. Dal sangiovese allo syrah fino allo spumante: coordinate apparentemente lontane che dicono come e quanto la tradizione continui a fondersi con l’innovazione. Visione di imprenditori che del legame col territorio e del rigore nel lavoro prima in vigna poi in cantina, fanno la loro ragione sociale. L’azienda è la famiglia.

Baldetti5 Osservi Alfonso Baldetti (foto a sinistra) quando ti apre le porte della  cantina e ti sembra Virgilio  mentre ti conduce in un mondo dove regole, mestiere e tecnologia si  fondono in un mix perfetto.  Macchinari di altissima precisione che manco a dirlo, hanno a che fare con  la famiglia Baldetti. Si  chiama Consulente Enologica l’altra azienda di casa che da trent’anni sta sul  mercato globale con  macchinari di avanguardia, specifici per ogni fase della produzione: dalla vigna alla  cantina.  Un’istituzione i Baldetti, da queste parti. Alfonso è enologo ma prima ancora è malato di vino:  “Sono  nato col vino, da piccolo avevo la camera sopra la cantina e posso dire di aver sentito il  profumo del  mosto prima di quello del latte della mamma”. Destino segnato? Forse, ma anche cercato perchè quando Alfonso ti mostra la barricaia, i grandi tini in acciaio, si ferma davanti ai pulsanti e ai led dei computer che gestiscono temperatura e automatismi, ci senti l’orgoglio e la passione di chi fa questo mestiere per scelta. Percezione che si fa più netta quando ti dice che il suo vino è una continua ricerca: “Vorrei trasmettere al vino la mia identità, vorrei che il mio vino fosse immediatamente identificabile, riconoscibile”. Insomma, lo stile di Alfonso nel vino Baldetti. Auspicio che declina come obiettivo guardando i tredici ettari vitati che circondano l’azienda. Baldetti6Assaggiando i suoi vini, l’auspicio diventa risposta: lo Chagrè (acronimo di Chardonnay e Grechetto), il Crano (syrah in purezza nella terra della Doc del vitigno riscoperto) che prende il nome dal leggendario Re di Cortona, figlio di Noè. E ancora: il Baldo, spumante brut prodotto con il metodo “Charmant lungo” e l’ultimo nato in casa Baldetti, il Piet Rosè, ottenuto dalla vinificazione in bianco di uve Syrah, Sangiovese e Merlot con la tecnica della macerazione pre-fermentativa a freddo, per il quale i figli di Alfonso hanno creato un’etichetta vintage ispirandosi all’arte di Andy Warhol. Eppoi c’è ‘sua maestà’ Leopoldo, vin santo ottenuto da uve appassite poi fermentato e affinato in piccoli caratelli. E tra i gioielli di famiglia l’oro verde: olio extravergine di oliva Poggiobarullo (olive lavorate lo stesso giorno della raccolta nel frantoio aziendale che utilizza un sistema di estrazione a bassa temperatura per esaltarne le caratteristiche e migliorarne la conservabilità).

Obiettivo che chiama obiettivo, il destino e pure l’orgoglio dei Baldetti. Ma la ‘cifra’ della ‘B’ sta anche in un modo diverso di interpretare il rapporto con il cliente: l’azienda guarda al mondo, si muove nei mercati degli Usa e in Europa dove punta la rotta sul Lussemburgo ma senza “inseguire i mercati” o le tendenze del momento, rivendica Alfonso. Al tempo stesso l’azienda è ‘agorà’ dove l’arte del vino diventa patrimonio comune: così Alfonso accoglie le persone che da tutto il mondo e grazie alla potenza del Web  lo raggiungono alla Pietraia. “Internet è pazzesco: puoi comunicare col mondo in tempo reale. Per me che ho i capelli bianchi è quasi una diavoleria, ma è fantastica la potenza che è in grado di esprimere in un click. Mio figlio ci smanetta sopra come se fossero i tasti di un pianoforte: velocissimo. E’ una comunicazione molto smart che ti connette col mondo, incredibile. E’ il nostro biglietto da visita telematico. Per noi, uno strumento di lavoro molto importante”.

Baldetti2 Nuove tecnologie in cantina, ricerca e sperimentazione, nuovi traguardi e nuove frontiere internettiane per  comunicare un mestiere e il suo frutto. E siccome Alfonso, come un tempo Mario, non si ferma mai, sta già  pensando al prossimo obiettivo: un percorso emozionale in vigna. Trasmettere emozioni e storia a chi è a corto  di un patrimonio che qui alla Pietraia è senza tempo. Squilla il cellulare: davanti all’ingresso c’è un gruppo di  turisti australiani che chiedono di lui. Giro in cantina e degustazione guidata: coccole di vino e prodotti tipici  della terra di Cortona. Potenza del web: quei click su Twitter e Facebook hanno fatto un giro lunghissimo  dall’altra parte del mondo e fatto arrivare persone in cantina.

Baldetti4Alfonso è fatto così, mentre tiene tra le mani Marius e sfodera per tutti il sorriso dell’ospitalità di questo splendido angolo di Toscana.

 

www.baldetti.com

 

 

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

LUCIA BIGOZZI

Toscanissima. Giornalista per passione. Ventiquattro anni fa avevo due opzioni: o l’insegnamento (laurea in lettere classiche) o quella di chi mi diceva “Giornalista? Per carità, trovati un uomo ricco e sposalo". Ho scelto la mia di strada, controvento. Dal 1988 duri anni di gavetta, puro precariato, eppure preziosi perchè mi hanno fatto scuola. Prima sui campi di calcio di una piccola squadra di provincia per il Corriere dell'Umbria, poi undici anni nella redazione del tg di Teletruria (emittente televisiva di Arezzo). In quegli anni arrivò l'assunzione al quotidiano Il Corriere di Arezzo, l’esame a Roma per diventare giornalista professionista e di lì a poco la collaborazione con l'Ansa (per quattro anni corrispondente da Arezzo). Dopo l'esperienza televisiva e quando tutto sembrava andare storto, mi sono aperta una piccola agenzia di stampa fornendo notizie a radio, quotidiani e tv locali. Chiusa quella fase, ci fu la corrispondenza per Il Giornale della Toscana (dorso regionale de Il Giornale) e un anno dopo l'assunzione nella redazione del quotidiano di Firenze dove sono rimasta per dieci anni (dalla nera alla bianca), scalando piano piano i gradini della carriera professionale fino a diventare caposervizio del politico. Anni bellissimi durante i quali ho avuto l'opportunità di scrivere anche per il quotidiano nazionale. Infine nel 2009, il 'grande salto' a Roma con l'entusiasmo di rimettermi ancora una volta in gioco, ricominciando da me. Quattro anni alla redazione de L'Occidentale (vicecaporedattore), sempre a tu per tu con la 'politica-mon-amour', il desk e la gestione delle piattaforme web. Oggi, nella redazione del quotidiano online Intelligonews. Le mie parole-chiave: avanti, coraggio, tenacia, umiltà, obiettivo. Ultima “conquista”: Sommelier del vino!

Leave A Reply


*