Volontari soccorritori sviluppano un’app per mappare i defibrillatori

0

Si chiama DaeDove, gratuita, veloce, per Android e iOS ed è stata sviluppata dai volontari della Pubblica Assistenza di Verbania: permette di mappare i defibrillatori presenti in tutta Italia.

In Europa muoiono ogni giorno, per arresto cardiaco, l’equivalente dei passeggeri di due aerei jumbo, ogni anno 700mila persone. Nove minuti è il tempo limite per portare soccorso e defibrillare qualcuno. Il defibrillatore semiautomatico (abbreviato con Dae, defibrillatore automatico esterno) è un dispositivo in grado di effettuare la defibrillazione del cuore in modo sicuro, perchè dotato di sensori capaci di riconoscere l’arresto cardiaco dovuto ad aritmie, fibrillazione ventricolare e tachicardia ventricolare.

Ma quanti, anche tra coloro che svolgono operazioni di soccorso, sanno dove sono localizzati i defibrillatori nella propria città? Non saperlo significa perdere tempo prezioso in caso di necessità. Da oggi, grazie all’impegno di alcuni volontari della Pubblica Assistenza Anpas Squadra Nautica di Salvamento di Verbania, sarà possibile localizzare con un click il defibrillatore più vicino.  

Tutto nasce dall’esperienza di uno dei volontari che all’uscita di un ristorante ha dovuto soccorrere un uomo e mentre esercitava le prime tecniche di Rianimazione Cardio Polmonare ha chiesto ai presenti dove fosse il defibrillatore più vicino e nessuno lo sapeva. Da qui l’idea di DaeDove, l’app che i volontari della Pubblica Assistenza di Verbania hanno sviluppato in circa due mesi e 300 ore di lavoro.

“Fortunatamente al nostro interno abbiamo un programmatore informatico che è stato in grado di sviluppare l’app in economia, pertanto abbiamo potuto dare spazio all’idea a costo zero ma investendo sulla disponibilità dei nostri volontari” spiega Dario Muzzarini, presidente della Pubblica Assistenza di Verbania. “L’ideatore di DaeDove ha passato diversi weekend a girare la provincia per mappare fisicamente i Dae presenti sul territorio”.

DAEDOVE
Da qualche giorno è disponibile la
versione 2.0 che è più stabile e permette agli stessi utenti di mappare i defibrillatori. Gli sviluppatori di DeaDove sottopongono a verifica ogni segnalazione e ne validano la reale presenza sul territorio. Per rendere più veloce ed efficace la verifica, alla fase di validazione collaboreranno anche altre Pubbliche Assistenze ed enti di soccorso presenti sul territorio nazionale. Inoltre, il prossimo obiettivo sarà migliorare DaeDove con una versione multilingue e dei video tutorial.

L’app ha già registrato 300 defibrillatori ed è stata scaricata non solo in Italia, ma anche in Francia, Stati Uniti, Svizzera, Vietnam e Australia. “DaeDove rappresenta anche motivo di orgoglio, per me presidente e per tutta l’associazione, perché – continua Dario Muzzarini – è dimostrazione del fatto che due volontari, con una sola idea e tanta voglia di fare, possono mettere in moto qualcosa di grande e di utile per tutti”.

DaeDove è disponibile gratuitamente per dispositivi Android (e a breve anche per Apple) sui relativi store. Oltre a segnalare il defibrillatore più vicino al punto in cui ci troviamo, l’app offre una serie di informazioni, come l’indirizzo preciso in cui è ubicato, i recapiti telefonici del suo proprietario, gli orari della sua disponibilità. Il tutto in modo semplice e veloce.

Per saperne di più è possibile consultare il sito dedicato www.daedove.it.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

About Author

CRISTINA GALASSO

Livornese ma a Pisa devo i miei studi in storia moderna. Lavoro all’Ufficio Comunicazione di Cesvot – Centro Servizi Volontariato Toscana. Il non profit e la comunicazione digitale sono da sempre la mia passione. Mi trovate anche su Telegram con il canale @SocialPositiveNews.

Leave A Reply


*